La Porte Dogon, galleria d'arte africana, il sito di vendita online di Essentiel Galerie: arte primitiva, arte tribale, arte primitiva
...
opzioni di ricerca




Oggetti d'arte tribale africana :


Ti offriamo una vasta selezione di pezzi unici di arte africana. Provenienti da collezioni private o acquistate direttamente “in situ”, queste opere sono oggetto di uno studio speciale per determinarne la provenienza e le condizioni di acquisizione. Per noi è un punto d'onore offrire ai nostri clienti opere d'arte africana di qualità, antiche o contemporanee, acquisite nel quadro di un mercato etico. È la storia di questi pezzi che vi invitiamo a scoprire attraverso la nostra gallery e i nostri siti web.

Maschera Bamana Ntomo
Arte africana > Maschere > Maschera Bambara

Questa maschera africana del Ntomo è, come la maggior parte delle maschere bamana, ricoperta di polvere di carbone calcinata. Patina scura granulare.
Erosioni e crepe di essiccazione.
Insediati nel Mali centrale e meridionale, in una zona di savana, i Bambara ," Bamana " o " non credenti ", come i musulmani li hanno nominati, appartengono al grande gruppo Mande, con i Soninke e i Malinke. In maggioranza agricoltori, ma anche allevatori, essi costituiscono la più grande etnia del Mali. Animisti, credono nell'esistenza di un dio Ngala che coesiste con un altro dio androgino chiamato Faro. I gruppi di artigiani nyamakala , più specificamente i fabbri chiamati numu , sono incaricati della scultura degli oggetti rituali, dotati della Nyama , energia occulta. Utilizzando il ...


Vedi il foglio

160,00

Ciondolo Dogon in bronzo
Arte africana > Gioielli africani > Ciondolo Dogon

Scultura africana in lega di bronzo di tipo Dogon, statuetta africana Dogon raffigurante un antenato seduto. Patina kaki con riflessi dorati.

I Dogon sono un popolo noto per la loro cosmogonia, esoterismo, miti e leggende. La loro popolazione è stimata a circa 300.000 anime che vivono a sud-ovest dell'anello del Niger nella regione di Mopti al Mali (Bandiagara, Koro, Banka), vicino a Douentza e parte del Nord del Burkina (nord-ovest di Ouahigouya). Resti di antichi siti siderurgici sull'altopiano di Bandiagara, risalenti al XV secolo, confermano l'attività dei fabbri. Questi ultimi formano una casta endogama tra i Dogon chiamata irim Oggi producono armi, attrezzi e lavorano anche il legno. "Padroni del fuoco",dovrebbero inoltre curare le ustioni(Huib ...


Vedi il foglio

95,00

Makonde Maschera
Arte africana > Maschere > Makonde Maschera

I Makonde producono non solo maschere facciali africane indossate durante le danze mapiko e le cerimonie ngoma, ma anche maschere per il corpo raffiguranti il ​​busto femminile. I Makonde del Mozambico settentrionale e della Tanzania meridionale indossavano maschere con elmo chiamate lipiko durante le cerimonie di iniziazione dei giovani. I Makonde venerano un antenato, il che spiega l'abbondanza di statue femminili naturalistiche. I giovani ragazzi e ragazze Makonde devono sottoporsi ad un periodo di isolamento di circa sei mesi, durante il quale vengono insegnati canti, balli e attività pratiche. Vengono discusse le regole di comportamento nella vita adulta, la vita sessuale e gli obblighi del matrimonio. Questa iniziazione si concludeva con cerimonie festive con i ballerini midimu ...


Vedi il foglio

280,00

Personale di comando di Chokwe
Arte africana > Bastone di comando > Personale di Chokwe

Le insegne dei Tchokwe nell'arte africana
Emblema del potere che fa parte delle insegne, segno di ostentazione, questo scettro rappresenta il potere politico e simbolico. Scultura a tutto tondo realizzata da un artista al servizio del capo, associata al culto terapeutico del tipo Hamba, la figura femminile Chokwe o Lwena incarna l'antenata femminile che dovrebbe garantire le nascite o la guarigione . Il personaggio che illustra anche la seconda moglie del mitico capo Chibinda Ilunga indossa un'acconciatura a cupola come un elmo.
Patina marrone satinato, residuo di caolino.
Stabilitisi pacificamente nell'Angola orientale fino al XVI secolo, i Chokwé furono poi assoggettati all'impero Lunda dal quale ereditarono un nuovo sistema gerarchico e la sacralità del potere. I ...


Vedi il foglio

160,00

Kongo Pfemba in miniatura
Arte africana > Statue > Kongo statuetta

Statuetta scolpita in stile Kongo, associata all'antenato del clan, figura mediatrice. Il bambino incarnerebbe la trasmissione matrilineare del potere. Queste effigi spesso formavano il motivo scolpito in cima alle canne dei capi. Patina marrone scuro lucida.
Crepa di essiccazione. Un clan del gruppo Kongo, gli Yombe sono stabiliti sulla costa occidentale dell'Africa, nel sud-ovest della Repubblica del Congo e in Angola. La loro statuaria include maternità straordinarie. L'uso di questo tipo di scultura rimane sconosciuto. Tra i Kongo , il nganga era responsabile dei rituali attivando una forza spirituale con un nkondi (pl. nkissi). Il termine nkisi è stato quindi utilizzato per designare le nozioni di "sacro" o "divino". La categoria più influente di "minkisi kongo" ...


Vedi il foglio

160,00

Miniatura in bronzo Dogon
Arte africana > Bronzo > Dogon bronzo

Piccola statuetta aneddotica che descrive un personaggio che porta un'ascia e un fascio di legna. Questa statuetta con molti dettagli è ricoperta da una patina nera incrostata di depositi chiari.
I fabbri Dogon formano una casta endogama tra i Dogon chiamata irim. Ora producono armi, strumenti e lavorano anche con il legno. "Maestri del fuoco" associati nella cosmogonia Dogon con gli esseri primordiali "Nommo" creati dal dio Ama, dovrebbero anche curare le ustioni. Piccoli oggetti di metallo, realizzati con la tecnica della cera persa, erano diffusi nella regione del delta del Niger interno, con il rame che vi raggiungeva attraverso il commercio trans-sahariano. Gli scavi sull'altopiano di Bandiagara hanno infatti portato alla luce vestigia di siti siderurgici anteriori al XV ...


Vedi il foglio

99,00

Maschera cimier Igala
Arte africana > Maschere > Cimier Igala

Piccola maschera cimier sormontata da una scena raffigurante soggetti seduti schiena contro schiena, incorniciati da due dischi che evocano ruote.
Nella regione delle rive del Benoué sono in uso diverse varianti di queste maschere africane . I gruppi che vi vivevano, avendo probabilmente per antenati comuni gli Akopo, ricorrevano a frequenti scambi e prestiti. Situato vicino all'estuario del Niger, che parlava una lingua Kwa i Igala formarono un potente regno fino alla colonizzazione. I sacrifici umani accompagnavano una volta queste feste rituali, dando a questo popolo la reputazione di cacciatori di teste. Gli Igala dispongono di grandi maschere caschi denominati Agba


Vedi il foglio

380,00

Bamana Serratura
Arte africana > Oggetti abituali > Bamana Serratura

Arte africana tra i Bambara.
Questo chiavistello Bambara antropomorfo è composto da due pezzi disposti a croce: la cassa verticale e la traversa orizzontale con un incavo per la chiave. La traversa è rinforzata da una parte metallica scorrevole nella parte inferiore. I riccioli, tenuti principalmente dalle donne e simboleggianti l'unione di due persone, possono essere offerti loro dai mariti in varie occasioni, come ad esempio una nascita o la convivenza con il marito. Si tratta di beni personali trasferibili alle figlie e alle nuore. La superficie ha una consistenza secca e granulosa. Sulla base: 65 cm.
I Bambara, detti anche "Bamana" o "miscredenti" secondo i musulmani, sono stanziati nel Mali centrale e meridionale. Fanno parte del grande gruppo Mande, insieme ai ...


Vedi il foglio

280,00

Pindi Statua
Arte africana > Statue > Pindi Statua

Provenienti dall'Angola, i Pindi si sparsero lungo le rive del fiume Kwango nella Repubblica Democratica del Congo, tra i Suku, Pende e Mbuun. La loro scultura tradizionale ha molte somiglianze con quelle dei gruppi vicini, di cui condividono anche le credenze, come il culto degli antenati. Tra le loro statue figurano figure con le braccia alzate, "kiluba", la cui funzione è quella di proteggere il villaggio o il clan, una varietà di oggetti prestigiosi, pannelli scolpiti. Le sculture raffiguranti un soggetto inginocchiato, con le mani appoggiate ai lati del volto sormontato da un'alta cresta, farebbero riferimento al clan.
Patina rosso-marrone liscia e lucente. Chip minori.


Vedi il foglio

290,00

Braccialetto Kota
Arte africana > Valute > Braccialetto Kota

I Kota abitano la parte orientale del Gabon, che è ricca di minerale di ferro. Il fabbro, anche lui scultore su legno, fabbricava gli strumenti destinati ai lavori agricoli, nonché armi rituali e figure di reliquiario. Quanto agli ornamenti in ottone, quando erano troppo voluminosi per essere indossati, avevano valore di moneta e servivano come dote matrimoniale. Patina granulosa ossidata.


Vedi il foglio

380,00

Maschera Idiok Ekpo Ibibio
Arte africana > Maschere > Maschera Ibibio

Maschera di tipo idiok dotata di ampi globi sormontano un ghigno dentato. Patina opaca crosta, screpolature, leggere mancanze. I Ibibios costituiscono un popolo di Africa dell'Ovest, presente soprattutto nel sud-est della Nigeria (Stato di Akwa Ibom), ma anche in Ghana, Camerun e Guinea equatoriale. Le società segrete sono numerose presso gli Ibibio che si trovano ad ovest del Cross River. Il culto degli antenati è sotto l'autorità dei membri più alti dell' Ekpo . Questi usano maschere come l' idiok , legate agli spiriti caduti, e mfon, che rappresentano le anime salvate. Le statue e le marionette sono utilizzate dalla società Ekon , ogni sette anni, attraverso spettacoli teatrali accompagnati da musica. Gli Anang usano anche le maschere idiok Ekpo.


Vedi il foglio

280,00

Maschera Baule / Yaure
Arte africana > Maschere > Maschera Baoule

In cima a questa maschera africana che presenta elementi stilistici Baule e Yohoure, Yaure, trono un felino, animale totemico. La patina lucida, come ghiacciata, offre sfumature dal nero al marrone bordeaux, con dettagli sbiancati.
L'arte africana dei Baoulé, gruppo Akan stabilito nel sud-est della Costa d'Avorio, comprende una vasta gamma di maschere rinomate per la loro qualità, finezza e simmetria. Da una parte queste maschere africane traspongono i tratti principali del volto di una bellissima ragazza o di un uomo notevole, "maschere-ritratti", che erano esibiti in occasione di manifestazioni particolarmente teatrali dove le donne svolgevano un ruolo importante, dall'altra delle maschere di congiura e di iniziazione, che intervengono nel corso di cerimonie loro vietate. ...


Vedi il foglio

240,00

Fang Sgabello
Arte africana > Sedie > Fang Sgabello

Sgabello o tavolino decorato con rappresentazioni di maschere Fang du Ngil. Patina d'uso, graffette in rame, restauri indigeni (canne in vimini).
I popoli conosciuti come Fang, o "Pahouin", descritti come guerrieri conquistatori, invasero a balzi successivi, di villaggio in villaggio, tutta la vasta regione compresa tra Sanaga nel Camerun e Ogooué nel Gabon, tra il XVIII e l'inizio del XX secolo. In fondo alle loro capanne, in un angolo buio e spesso fumoso, i capifamiglia conservavano con cura i loro Byéri, i bauli delle reliquie e le sculture che li “osservavano”. La vita quotidiana dei Fang consisteva in tre priorità: perpetuare l'identità sociale, sopravvivere in un ambiente naturale ostile, dialogare con i defunti per allontanarli dai vivi. (Luigi Perrois)


Vedi il foglio

340,00

Urhobo Maschera
Arte africana > Maschere > Urhobo Maschera

Maschera africana urhobo associata a uno spirito dell'acqua (edjorame), che ricorreva durante i principali festival annuali. Prolungato nella parte posteriore da una struttura in vimini, è sormontato da teste scolpite. Patina croccante parzialmente sfaldata.
Gli Urhobos, che vivono vicino al nord-ovest del fiume Delta del Niger, costituiscono il principale gruppo etnico nello Stato del Delta tra i 36 stati della Repubblica Federale della Nigeria. Parlano Urhobo, una lingua del gruppo Niger-Congo. Insieme agli Isoko, la cui arte è simile, sono conosciuti collettivamente come Sobo. Le loro grandi sculture che rappresentavano gli spiriti della natura, gli edjo, ovvero gli antenati fondatori del clan, ai quali venivano offerti sacrifici, erano raggruppate in santuari all'interno dei ...


Vedi il foglio

240,00

Baoule Statuetta
Arte africana > Statue > Baoule Statuetta

Collezione di arte tribale africana francese.
Figura africana denominata erroneamente "colono" , che rappresenta, per i Baoulé, un'immagine idealizzata e individuale della sposa celeste. Le sue fattezze furono scolpite su indicazione del rabdomante per il suo cliente nel tentativo di porre rimedio a vari problemi.

Patina colorata opaca, abrasioni da uso, crepe.
Due tipi di statue vengono prodotte dai Baoulé nel contesto rituale: Lestatue Waka-Sona, "essere di legno" in Baoulé, evocano un assié oussou, essere della terra. Fanno parte di un tipo di statua destinata ad essere utilizzata come strumento medio dagli indovini komien, questi ultimi selezionati dagli spiriti asye usu per comunicare rivelazioni da l'oltre. Il secondo tipo di statue, realizzate ...


Vedi il foglio

290,00

Kwele statua
Arte africana > Statue > Kwele statua

Figura antropomorfa di Kwele, dalla morfologia slanciata, legata a riti di iniziazione. La faccia concava, che porta un pizzetto spaccato, riprende i lineamenti delle maschere. Arti sfaccettati in tonalità contrastanti punteggiano questa scultura insolita.
Patina satinata, abrasioni minime.

La tribù del gruppo Kota, i Kwélé , Bakwélé , vive nella foresta al confine settentrionale della Repubblica del Congo. Vivono di caccia, agricoltura e praticano la metallurgia. Praticando il culto denominato Bwété mutuato dai Ngwyes, che era accompagnato da riti di iniziazione obbligatori, utilizzavano al termine delle cerimonie oltre alle maschere zoomorfe di elefante o gorilla, le maschere ekuk evocando l'antilope le cui corna si incontrano in un cappio sotto il mento. ...


Vedi il foglio

280,00

Bembe Statuetta
Arte africana > Statue > Bembe Statuetta

Incarnando lo spirito di un antenato, questa miniatura africana scolpita reca tatuaggi cheloidi che testimoniano le successive fasi di iniziazione a cui è stato sottoposto l'individuo. A volte incastonati con avorio o terracotta, gli occhi sono intarsiati con osso. Patina lucida color mogano dorato, parti mancanti.

Affermato sui set dell'ex. Repubblica Popolare del Congo (RDC) ex Brazzaville, e da non confondere con il gruppo Bembé del nord del Lago Tanganinyika, il piccolo gruppo Babembé, Béembé, è stato influenzato dai riti e dalla cultura Téké, ma soprattutto da quella del Kongo. Insediati nell'attuale Repubblica del Congo, i Béembé formavano originariamente il regno del Kongo, con i Vili, gli Yombé, i Bembé e i Woyo. Il capo del villaggio, nga-bula, aveva il compito di ...


Vedi il foglio

160,00

Chokwe Feticcio
Arte africana > Feticci > Chokwe Feticcio

Singolare statuetta africana la cui anatomia è femminile ma la cui testa rappresenta un capo della regione di Moxico, che indossa la chipangula cheffale. I capi avevano infatti una funzione importante nei riti propiziatori destinati alla caccia e alla fertilità delle donne. Applicazioni di olio di ricino e decotti di piante coloranti venivano generalmente applicate alle sculture Chokwe.
Patina lucida, piccole crepe.

Insediati pacificamente nell'Angola orientale fino al XVI secolo, i Chokwé furono poi soggetti all'impero Lunda da cui ereditarono un nuovo sistema gerarchico e la sacralità del potere. Tre secoli dopo finirono per impadronirsi della capitale della Lunda indebolita dai conflitti interni, contribuendo così allo smantellamento del regno. I Chokwé non ...


Vedi il foglio

180,00

Maschera Punu
Arte africana > Maschere > Maschera Punu

Questa maschera africana ricoperta di caolino e priva di scarificature è una versione insolita delle maschere bianche del Gabon, itengi, (pl. bitengi). Erosioni minori.
Nel art 1, questa maschera tribale del Gabon era associata alle varie società segrete del Gabon, tra cui il Bwiti, il Bwete/i> e il Wirmi/i", essendo questo livello di iniziazione leader", di cui tutti gli uomini Punu appartenevano, e il cui emblema era il caimano. Il Punu non implicava nessuna maschera nei rituali dei Bwiti, contrariamente al Tsogo. Queste potenti società segrete, che avevano anche una funzione giudiziaria, includevano diverse danze, tra cui la danza del leopardo, l'Esomba, il Mukuyi e la danza dei trampoli Okuyi. Questo tipo di maschera al caolino sbiancato, che ricorda una ...


Vedi il foglio

280,00

Maschera Yela
Arte africana > Maschere > Maschera Yela

Maschera africana su cui si stampano profonde striature colorate rinforzando i tratti fini del viso.
I gruppi Tetela e Yela sono di origine Mongo e sono vicini. La scultura dei Tetela assume forme diverse, prese in prestito dai clan che li circondano, tra cui ispirazioni Songye con opere policrome. Diverse etnie divise in lignaggi vivono strettamente intrecciate nel centro dello Zaire: le Mbole, le Yela, le Lengola e le Metoko , e sono dotate di associazioni simili. Questa prossimità ha generato alcuni prestiti stilistici. La loro produzione artistica presenta infatti grandi analogie con quella dei Metoko e dei Lengola. Le loro maschere di divinazione erano esibite durante le cerimonie di chiusura dell'iniziazione e circoncisione dei giovani della società di divinazione ...


Vedi il foglio

380,00

Serratura bambara
Arte africana > Serrature > Serratura bambara

Targette Bambara formata da due pezzi a incastro, il bagagliaio, verticale, e la traversa, orizzontale. Le serrature, che in genere appartengono alle donne e simboleggiano l'unione di due persone, possono essere offerte dai loro mariti in occasione di una nascita o per festeggiare l'installazione della donna a casa del marito. Si tratta quindi di beni personali trasferibili alle figlie e alle nuore.
Bella patina oliata, lucentezza, abrasioni d'uso.
Insediati nel Mali centrale e meridionale, i Bambara ," Bamana " o " non credenti ", come i musulmani li hanno nominati, appartengono al grande gruppo Mande , in compagnia dei Soninke e dei Malinke.


Vedi il foglio

180,00





Ultimi articoli che hai visualizzato:
Arte africana  - 

© 2024 - Digital Consult SPRL

Essentiel Galerie SPRL
73A Rue de Tournai - 7333 Tertre - Belgique
+32 (0)65.529.100
visa Master CardPaypal