La Porte Dogon, galleria d'arte africana, il sito di vendita online di Essentiel Galerie: arte primitiva, arte tribale, arte primitiva
...
opzioni di ricerca




Arte africana - Maschere:


Maschera Tsogho / Vuvi
Arte africana > Maschere > Maschera Tsogho

Collezione di arte africana dell'artista A. Plaza Garcés.
Maschera dalla geometria sobria, imparentata con le maschere africane Okuyi dei gruppi etnici Punu delle tribù Shira, presenta un copricapo a visiera che ricorda una moda per capelli del gruppo Shira, e che costituiva la parte frontale di un'acconciatura con conchiglie. Priva di scarificazioni, questa maschera del Gabon presenta una patina vellutata ricoperta di pigmenti naturali sfaldati localmente. Crepe da essiccazione, abrasioni.
Il gruppo etnico Mitsogho, Sogho, è stabilito in una regione forestale sulla riva destra del fiume Ngoumé. La società Bwiti, o Bweté, che ha un sistema di reliquiari paragonabile a quello dei Fang e dei Kota, formava la coesione delle famiglie Mitsogho. Le loro maschere venivano ...


Vedi il foglio

240,00

Maschera Fang Ngil
Arte africana > Maschere > Maschera Fang

Collezione francese di arte africana Questa voluminosa maschera africana dei Fang illustra una delle tante varianti stilistiche delle maschere Fang degli Ngil contraddistinte dalla loro fisionomia austera. Una patina filmosa composta da pigmenti bianchi e neri riveste il legno chiaro. Patina scheggiata, discreti riflessi colorati. Erosioni e perdite.
L'apparizione di queste maschere, generalmente rivestite di caolino (il colore bianco evoca il potere degli antenati), nel cuore della notte, poteva incutere timore. Questo tipo di maschera era utilizzata dalla società maschile ngil che oggi non esiste più. Questa società segreta era responsabile delle iniziazioni e combatteva la stregoneria. L'ngil era un rito purificatore del fuoco simboleggiato dal gorilla. I portatori di queste ...


Vedi il foglio

290,00

Maschera Dan Maou
Arte africana > Maschere > Maschera Dan

Becco lungo e ricurvo associato al turaco, re degli uccelli, per la nostra maschera Dan Maou. Le popolazioni Dan del nord chiamano gli Yacouba della Costa d'Avorio e i Maou di Touba, dopo averli presi in prestito dal popolo Mandé < /b> vicino, usa queste maschere nelle cerimonie segrete maschili tra cui il Koma dei Maou e la società Poro dei Dan. Patina beige.
Le maschere Dan, di vari stili, compaiono generalmente durante festival di intrattenimento molto teatrali in cui le donne hanno un ruolo di primo piano. La maschera cosiddetta "beffarda", detta Déanglé, definisce un ideale di bellezza e benevolenza ed è scolpita in onore delle giovani ragazze del villaggio o di uomini illustri. Utilizzati anche durante i riti di circoncisione, compaiono in compagnia delle maschere ...


Vedi il foglio

180,00

Makonde Maschera
Arte africana > Maschere > Makonde Maschera

I Makonde producono non solo maschere facciali africane indossate durante le danze mapiko e le cerimonie ngoma, ma anche maschere per il corpo raffiguranti il ​​busto femminile. I Makonde del Mozambico settentrionale e della Tanzania meridionale indossavano maschere con elmo chiamate lipiko durante le cerimonie di iniziazione dei giovani. I Makonde venerano un antenato, il che spiega l'abbondanza di statue femminili naturalistiche. I giovani ragazzi e ragazze Makonde devono sottoporsi ad un periodo di isolamento di circa sei mesi, durante il quale vengono insegnati canti, balli e attività pratiche. Vengono discusse le regole di comportamento nella vita adulta, la vita sessuale e gli obblighi del matrimonio. Questa iniziazione si concludeva con cerimonie festive con i ballerini midimu ...


Vedi il foglio

280,00

Maschera Igbo Agbogo mwo
promo art africain
Arte africana > Maschere > Maschera Igbo

L'arte africana e le spettacolari maschere con stemma dell'etnia Igbo.
Maschera africana Igbo Agbogo Mmwo o "maschera della ragazza", che glorifica la giovinezza e la bellezza, occhi a mandorla, viso emaciato ricoperto di bianco, scarificazioni e tatuaggi. L'acconciatura rappresenta capelli intrecciati mescolati con accessori. Il colore bianco della maschera si riferisce agli spiriti ancestrali, queste maschere spesso accompagnavano i defunti durante i riti funebri, i> mmwo o "spirito dei morti". Patina opaca e filmosa, buone condizioni.
Gli Igbo vivono nella foresta nel sud-est della Nigeria. La religione Igbo comprende da un lato il dio Chuku, creatore supremo, considerato onnipotente, onnisciente e onnipresente, e dall'altro lo spirito della terra Ala.


Vedi il foglio

380,00  304,00

Scultura Bembe/Buyu Kalunga
promo art africain
Arte africana > Maschere > Scultura Bembe

Ex collezione francese di arte africana.

Questo tipo di scultura rappresenta lo spirito Kalunga. Queste sculture tenute da ciascun maestro di loggia avevano un ruolo durante i rituali di passaggio durante le cerimonie di circoncisione dei Bwami, ma probabilmente anche nei riti di fertilità. Patina policroma opaca. Piccole crepe e abrasioni.
L'etnia Bembe è un ramo Luba che lasciò il Congo nel XVIII secolo per stabilirsi vicino alla Tanzania e al Burundi. Come la Lega, i Bembe avevano un'associazione Bwami responsabile dell'iniziazione e della strutturazione della società, ma altre associazioni coesistevano tra i Bembe, come le società Elanda e Alunga. All'interno dei Bwami, oggetti d'arte come maschere e statue avevano il ruolo di aiutare gli aspiranti al rango più alto a ...


Vedi il foglio

280,00  224,00

Maschera Ligbi, Djimini, Yangaleya
promo art africain
Arte africana > Maschere > Maschera Ligbi

Ex collezione francese di arte africana Ovoidale, questa maschera Ligbi, Djimini, è attraversata da un lungo becco che ne prolunga la cresta. Il motivo scolpito rappresenta un bucero, o yangaleya, chiamato magangono dai Dioula. Riflessi di pigmenti blu e rossi e caolino evidenziano i dettagli della maschera. Strette fessure formano lo sguardo e anche la bocca è una piccola incisione. Patina marrone lucida.
Fondati in Costa d'Avorio, ma anche in Ghana, i Ligbi, islamizzati, sono stati tuttavia influenzati dalla scultura tribale Senoufo. Ne hanno preso in prestito elementi che hanno integrato nelle maschere africane legate alla società del do. Questa tradizione mascherata si è conservata per manifestarsi durante le feste religiose accompagnate da sacrifici e canti come la fine del ...


Vedi il foglio

180,00  144,00

Songye Maschera
Arte africana > Maschere > Songye Maschera

Arte africana Songye
Le maschere iniziatiche africane dei Songye.
Nel sud della Repubblica Democratica del Congo, questo tipo di maschera femminile "kalyanga" che offre una superficie finemente increspata che ne accentua i volumi, viene indossata ancora oggi con un lungo costume e una lunga barba di fibra naturale, durante i rituali mascherati. Patina opaca, erosioni e crepe da essiccamento.
Si distinguono tre varianti di questo tipo dimaschera Kifwebe( pl. Bifwebe) o "cacciare la morte" (Roberts): quella maschile (kilume) generalmente con un'alta cresta, quella femminile (kikashi) con una cresta molto bassa o addirittura assente, ed infine il potere incarnante più grande (kia ndoshi). I Songye provenivano dalla regione Shaba della RDC e si stabilirono lungo il ...


Vedi il foglio

150,00

Maschera Gelede Yoruba
Arte africana > Maschere > Maschera Gelede

Collezione di arte africana del pittore A. Plaza Garcès. Maschera Gelede raffigurante un volto con cappello incorniciato da elementi piatti. Riflessi multicolori ravvivano la scultura. In Nigeria, anche in Benin, questa maschera africana indossata sulla sommità della testa viene utilizzata per le danze gioiose della società Gelede, e in occasione dei funerali dei suoi seguaci. Queste maschere si presentano in coppia, a ciascuna viene assegnato un nome specifico. Patina d'uso granulosa, localmente abrasa. Crepe e mancanze da essiccazione.
Il paese Gelede in Nigeria rende omaggio alle madri, soprattutto alle più anziane, i cui poteri si dice siano paragonabili a quelli degli dei Yoruba, o orisa, e agli antenati, osi< / i> e che può essere utilizzato a vantaggio ma anche a ...


Vedi il foglio

290,00

Maschera con stemma Gelede Yoruba
Arte africana > Maschere > Maschera Yoruba

Collezione di arte africana del pittore A. Plaza Garcès. Maschera con stemma Gelede raffigurante un volto dai lineamenti sfumati sormontato da un soggetto inginocchiato. La maschera è dipinta con pigmenti colorati. In Nigeria, anche in Benin, questa maschera africana indossata sulla sommità della testa viene utilizzata per le danze gioiose della società Gelede, e in occasione dei funerali dei suoi seguaci. Queste maschere si presentano in coppia, a ciascuna viene assegnato un nome specifico. Patina brillante dovuta all'uso, alle erosioni e alle rotture.
Il paese Gelede in Nigeria rende omaggio alle madri, soprattutto alle più anziane, i cui poteri si dice siano paragonabili a quelli degli dei Yoruba, o orisa, e agli antenati, osi< / i> e che può essere utilizzato a vantaggio ma ...


Vedi il foglio

290,00

Maschera Baule Ndoma
Arte africana > Maschere > Maschera Baoule

Collezione belga di arte tribale africana Scolpita in legno molto denso, questamaschera africana maschile di tipo figurato è chiamata maschera ritratto o Ndoma tra i Baoule. Patina marrone lucida, abrasa. Queste maschere africane ritratti dei Baoulé, ndoma, che fanno parte di una delle più antiche tradizioni artistiche Baoulé e rappresentano spesso un personaggio idealizzato, hanno la particolarità di manifestarsi in fine delle cerimonie di ballo di intrattenimento. Questi ultimi vengono chiamati, a seconda della regione, bedwo, ngblo, mblo, adjussu< /. i>, ecc.... Ognuna di queste maschere si distingue per le acconciature, la collocazione e la scelta delle scarificazioni. Si esibiscono durante eventi di danza accompagnati da musica e canti, celebrazioni, visite di personalità, ...


Vedi il foglio

190,00

Markha Maschera
promo art africain
Arte africana > Maschere > Markha Maschera

Scolpita in legno denso, questa maschera africana antropo-zoomorfa è costituita da un volume arrotondato da cui si eleva un lungo collo ad anelli che si estende da un viso stretto ed emaciato. Un'alta cresta appiattita ricopre il viso. Le aree decorative in metallo costituiscono una delle specificità delle sculture marka. Patina opaca abrasa, crepa da essiccazione.
Nell'arte africana, il Marka, Maraka a Bamana, < b>Warka, o anche Sarakolé, sono abitanti delle città musulmane di origine Soninke, stabiliti nel sud del Niger, sparsi dalla fine dell'impero del Ghana in Mali, Mauritania e Senegal. Ora parlano Bamana e hanno adottato molte delle tradizioni Bambara, come la Ntomo e la Koré, società di iniziazione che utilizzavano maschere durante le loro cerimonie. Del Numuw ...


Vedi il foglio

380,00  304,00

Maschera We Tehe gla
promo art africain
Arte africana > Maschere > Maschera We

Ex collezione belga di arte africana Questo tipo di "maschera del coraggio" (Tehe gla) era condiviso dai Bete occidentali, dai Nyabwa e dai We. I chiodi da tappezzeria evidenziano alcuni elementi salienti di questa maschera africana. Patina bruno-nerastra intarsiata con caolino, piccole sbeccature.

I Dan, del nord, e i Wé del sud (gruppo Krou comprendente i Guéré, i Wobé del nord-est e i Wé della Liberia chiamati Kran o Khran), facevano uso di prestiti frequenti data la loro vicinanza. Gli elementi del cespuglio, i volumi sporgenti della fronte, le corna e le zanne, la mascella zoomorfa che in certi casi evoca la bocca spalancata di una creatura animale, sono associati a tratti umani che segnano la dualità del divino. Prima degli anni '60, le maschere, la cui creazione era ...


Vedi il foglio

350,00  280,00

Maschera Kongo
promo art africain
Arte africana > Maschere > Maschera Kongo

Maschera in miniatura con scopo protettivo, che veniva indossata come talismano. Patina opaca vellutata. Abrasioni. Altezza su base: 25 cm.
Un clan del gruppo Kongo, gli Yombe sono stabiliti sulla costa occidentale dell'Africa, nel sud-ovest della Repubblica del Congo e in Angola. I Vili , i Lâri, i Sûndi, i Woyo, i Bembe, i Bwende, gli Yombé e i Kôngo formarono il gruppo Kôngo, guidato dal re ntotela < /io> . Il loro regno raggiunse il suo apice nel XVI secolo con il commercio di avorio, rame e la tratta degli schiavi. Con le stesse credenze e tradizioni, realizzano statue dotate di gesti codificati in armonia con la loro visione del mondo.

Fonte: "il gesto del Kongo" Ed. Museo Dapper e Museo "Tesori d'Africa" ​​di Tervuren; "L'anima dell'Africa" ​​su ...


Vedi il foglio

160,00  128,00

Maschera Ligbi, Djimini
promo art africain
Arte africana > Maschere > Maschera Ligbi

Es. Collezione francese di arte tribale africana.
Maschera Ligbi, Djimini, sormontata da una maschera simile in miniatura. I riflessi dei pigmenti blu e rossi e del caolino esaltano la scultura.
Patina nera opaca, riflessi policromi.
Fondati in Costa d'Avorio, ma anche in Ghana, i Ligbi, islamizzati, sono stati tuttavia influenzati dalla scultura tribale Senoufo. Ne hanno preso in prestito elementi che hanno integrato nelle maschere africane legate alla società del do. Questa tradizione mascherata si è conservata per manifestarsi durante le feste religiose accompagnate da sacrifici e canti come la fine del Ramadan, simboleggiando così la rottura del digiuno. Poco prima dei festeggiamenti, se necessario, la maschera verrà ridipinta e quindi rivestita di koro, composto ...


Vedi il foglio

290,00  232,00

Grande maschera woyo
promo art africain
Arte africana > Maschere > Maschera Woyo

Inizialmente realizzate in una zucca, le maschere Ndunga I Vili, i Lâri, i Sûndi, i Woyo, i Bembé, i Bwende, i Yombé e i Kôngo formavano il gruppo Kôngo guidato dal re i/i. Il loro regno conobbe il suo apogeo nel XVI secolo ...


Vedi il foglio

280,00  224,00

Maschera Lega / Leka
promo art africain
Arte africana > Maschere > Maschera Leka

Es. Collezione belga di arte africana.
Maschera africana per l'iniziazione della Lega o anche dei Leka, la cui società, la Bukota, che accoglie sia uomini che donne, è l'equivalente del Bwami
Associazione leghista. Le loro maschere sono abbastanza simili, ma si distinguono per la bocca e talvolta anche per gli occhi di forma quadrata o rettangolare.br>
Patina nera lucida con intarsi in argilla bianca.
Altezza sulla base: 33 cm.
Le sculture Leka, soggette all'influenza dei vicini Mbole, Lega e Binja, svolgevano un ruolo durante le cerimonie di iniziazione, funerali o circoncisione, e venivano poi collocate sulla tomba degli iniziati di alto rango. Ognuna di queste figure aveva un nome e un significato a scopo didattico, come vuole la tradizione lega.


Vedi il foglio

280,00  224,00

Pende Maschera
Arte africana > Maschere > Pende Maschera

Collezione di arteafricana belga, il nome verrà comunicato all'acquirente.
Questa maschera di iniziazione africana, Mbuya, proviene dai Pende dell'Occidente, dove l'influenza Yaka è notevole attraverso il naso leggermente all'insù, e la linea delle sopracciglia ricorda i lineamenti del vicino Chokwe. Questa maschera simboleggia le qualità maschili e femminili del leader. I Pende occidentali si stabiliscono sulle rive del Kwilu, mentre i Pende orientali risiedono sulle rive del Kasai a valle di Tshikapa. La loro scultura tribale è segnata dall'influenza dei gruppi etnici vicini come Mbla, Suku, Wongo, Leele, Kuba e Salempasu.
All'interno di questa diversità culturale, le maschere Mbuya, realistiche e prodotte ogni dieci anni, hanno una funzione festosa. Incarnano diversi ...


Vedi il foglio

280,00

Pende Maschera
Arte africana > Maschere > Pende Maschera

Le maschere "malattie" Africane Pende Mbangu, chiamate anche Bwala-Bwala, esagerano i sintomi di disturbi come l'epilessia o la paralisi facciale, spesso attribuiti a pratiche di stregoneria. Queste maschere comiche sono indossate da ballerini che indossano cappelli decorati con piume di faraona, di coucal o di turaco, a volte anche di lubandu, una corona di foglie. Spesso decorate con una gobba sulla schiena, queste maschere accentuano l'aspetto disabile del personaggio. Originarie della regione dell'alto Kwango, le maschere Pende si distinguono per i loro nasi angolati, le loro bocche distorte e le loro aree di colori contrastanti, con una caratteristica patina semiopaca.
I Pende occidentali vivono lungo le rive del Kwilu, mentre gli orientali si stabilirono sulle rive del Kasai ...


Vedi il foglio

280,00

Maschera Songye Kifwebe
promo art africain
Arte africana > Maschere > Maschera Songye

Collezione belga di arte africana. Maschera africana kifwebe cerimoniale. Il termine Kifwebe designa la maschera, la società delle maschere e colui che indossa la maschera appartenente alla società segreta maschile bwadi bwa kifwebe che assicurava il controllo sociale. Patina opaca scheggiata, erosioni e crepe.
Nel XVI secolo i Songye migrarono dalla regione di Shaba per stabilirsi sulla riva sinistra del Lualaba, nel Katanga e nel Kasai. La loro società è organizzata in modo patriarcale. La loro storia è inseparabile da quella della vicina Luba alla quale sono imparentati attraverso antenati comuni. Molto presente nella loro società, la divinazione permetteva di scoprire gli stregoni e di far luce sulle cause delle disgrazie che colpivano gli individui. Le esibizioni ...


Vedi il foglio

180,00  144,00

Hopi Maschera
promo art africain
Arte africana > Arte del mondo > Hopi Maschera

Testimoni delle tradizioni delle popolazioni indiane Hopi dell'Arizona, gli oggetti scolpiti di Katsinam (song. Kachina) si esprimono durante le danze tradizionali che accompagnano le annuali feste della pioggia. Questa maschera sormontata da statuette di bambole di tipo Hopi, fiancheggiate da orecchie a pannello mobili e un "becco" sporgente, è tagliata con pupille a fessura delineate in nero. Le tonalità indicherebbero la natura dello spirito rappresentato. La patina è opaca, vellutata, con screpolature da essiccamento e abrasioni.


Vedi il foglio

490,00  392,00





Ultimi articoli che hai visualizzato:
Arte africana  - 

© 2024 - Digital Consult SPRL

Essentiel Galerie SPRL
73A Rue de Tournai - 7333 Tertre - Belgique
+32 (0)65.529.100
visa Master CardPaypal