La Porte Dogon, galleria d'arte africana, il sito di vendita online di Essentiel Galerie: arte primitiva, arte tribale, arte primitiva
...
opzioni di ricerca




Arte africana - Bastone di comando:


Personale di comando Kongo
Arte africana > Bastone di comando > Kongo Scettro

Emblema del potere reale di tipo Kongo a forma di effigie di un capo in posizione seduta, esteso da un'impugnatura incisa con fini motivi a scacchi. Patina nera satinata.
I Kongos (noti anche come Bakongos, che è il plurale di N'Kongo in Kikongo, vivono sulla costa africana dell'Oceano Atlantico da Pointe-Noire, (Repubblica del Congo) a Luanda (Angola) nel sud e fino al provincia di Bandundu (Repubblica Democratica del Congo). Di superba fattura, gli scettri di comando del Kongo costituivano, tra i gioielli, le armi, le statue e le statue, le insegne essenziali al loro status e al potere del loro regno. Gli ornamenti, i pittogrammi e le effigi scolpiti su i bastoni evocavano proverbi, illustravano le qualità di un capo, raccontavano, di sezione in sezione, la storia della tribù e ...


Vedi il foglio

160,00

Baston di comando di Lulua
promo art africain
Arte africana > Bastone di comando > Baston di Lulua

Ex collezione belga di arte africana.
Bastone di prestigio con ansa cefalomorfa prolungata da una sezione ad anelli che forma il collo. Bella patina abrasa, lievi mancanze, crepe da essiccazione.
I diversi tipi di statue Luluwa, Lulua o anche Béna Lulua, presentando molteplici scarificazioni, glorificano i capi locali, la maternità, la fertilità e la figura femminile. Scarificazioni sporgenti sono visibili sulla parte anteriore della figura. .
Patina granulosa grigia le cui erosioni localizzate rivelano il legno chiaro. È nel sud della Repubblica Democratica del Congo che si stabilirono i Lulua, o Béna Lulua, provenienti dall'Africa occidentale. La loro struttura sociale, basata sulle caste, è simile a quella dei Luba. Si producevano poche maschere, ma soprattutto ...


Vedi il foglio

240,00  192,00

Personale di comando di Chokwe
Arte africana > Bastone di comando > Personale di Chokwe

Le insegne dei Tchokwe nell'arte africana
Emblema del potere che fa parte delle insegne, segno di ostentazione, questo scettro rappresenta il potere politico e simbolico. Scultura a tutto tondo realizzata da un artista al servizio del capo, associata al culto terapeutico del tipo Hamba, la figura femminile Chokwe o Lwena incarna l'antenata femminile che dovrebbe garantire le nascite o la guarigione . Il personaggio che illustra anche la seconda moglie del mitico capo Chibinda Ilunga indossa un'acconciatura a cupola come un elmo.
Patina marrone satinato, residuo di caolino.
Stabilitisi pacificamente nell'Angola orientale fino al XVI secolo, i Chokwé furono poi assoggettati all'impero Lunda dal quale ereditarono un nuovo sistema gerarchico e la sacralità del potere. I ...


Vedi il foglio

160,00

Kongo / Bembe canna vertice
Arte africana > Bastone di comando > Kongo canna

Pomo scolpito con figura femminile, esteso con una sezione in legno poi metallo.
Patina nera lucida, lievi mancanze e abrasioni.
Istituito sugli altipiani della Repubblica Popolare del Congo ex.Brazzaville, e da non confondere con il gruppo Bembe del Lago Tanganinyika settentrionale, il piccolo gruppo Babembé, Béembé, fu influenzato dai riti e dalla cultura Téké, ma soprattutto da quella dei Kongo. Stabiliti nell'attuale Repubblica del Congo, i Béembé formarono originariamente il regno del Kongo, con i Vili, Yombé, Bwendé e Woyo. Erano sotto la tutela del re ntotela eletto dai governatori. Il commercio di avorio, rame e schiavi furono le principali risorse di questo gruppo poco conosciuto fino alla colonizzazione. Il capo del villaggio, nga-bula, aveva il compito di ...


Vedi il foglio

150,00

Kongo Statuetta
Arte africana > Bastone di comando > Kongo Statuetta

Le sculture naturalistiche dei clan Kongo.

Parte superiore del bastoncino con motivo intagliato antropomorfo. Il viso offre una modellazione sottile e ordinata che evidenzia un'espressione intensa e concentrata. Le mani con le dita sono unite, la parte inferiore del corpo si fonde con la base sfaccettata. Patina dorata leggera, brillante. Crepe di essiccazione. Altezza sulla base: 25 cm.
I Vili , i Lâri, i Sûndi, i Woyo, i Bembe, i Bwende, gli Yombé e i Kôngo formavano il gruppo Kôngo, guidato dal re ntotela < /i> . Il loro regno raggiunse l'apice nel XVI secolo con il commercio di avorio, rame e la tratta degli schiavi. Con le stesse credenze e tradizioni, hanno prodotto una statuaria dotata di un gesto codificato in relazione alla loro visione del mondo. Oltre ...


Vedi il foglio

150,00

Ewe Scettro
promo art africain
Arte africana > Bastone di comando > Ewe Scettro

Oggetto prestigioso riservato a capi e dignitari, questo distintivo del potere la cui estremità è scolpita con una figura femminile evoca nozioni di fertilità e abbondanza. Patina giallo-marrone opaca, riflessi neri. Piccole abrasioni e crepe dovute all'uso.
Gli Ewe, spesso confusi con i Minas, sono il gruppo etnico più numeroso del Togo. Si trovano come minoranze anche in Ghana, Benin, Costa d'Avorio e Nigeria. Anche se si hanno poche informazioni storiche su di loro, sembra che il loro insediamento nella sede attuale sia il risultato di invasioni e conflitti scoppiati nel corso del XVII secolo.
La morfologia, presentando una muscolatura indicata dagli arti inanellati e una postura caratteristica, ricorda qui quella delle regioni lagunari. La figura dal collo possente ha una ...


Vedi il foglio

280,00  224,00

Scettro Kongo
Arte africana > Bastone di comando > Scettro Kongo


I Kongos (noti anche come Bakongos, che è il plurale di N'Kongo in Kikongo, vivono sulla costa dell'Oceano Atlantico dell'Africa Pointe-Noire, (Repubblica del Congo) fino a Luanda (Angola) nel sud e fino a come la provincia di Bandundu (Repubblica Democratica del Congo) Di superba fattura, gli scettri di comando del Kongo costituivano, tra i gioielli, le armi, le statue e le statue, le insegne essenziali al loro status e potere. Ornamenti, pittogrammi ed effigi scolpiti sui bastoni evocavano proverbi , ha illustrato le qualità di un capo, ha raccontato, di sezione in sezione, la storia della tribù e ha insistito sulle qualità richieste per regnare. Anche l'appartenenza all'entourage reale ha beneficiato della stessa iconografia codificata.
Questo prestigioso emblema si presenta ...


Vedi il foglio

160,00

Koré Bastone
Arte africana > Bastone di comando > Koré Bastone

Strumento rituale utilizzato nel quarto grado iniziatico della società Bamana Kore, Bambara, questo bastone è chiamato, come la maschera del cavallo, Kore Duga o Kore vulture b>. Il nome della maschera si riferisce al comportamento satirico del ballerino-giullare che si mette a cavallo del bastone durante la sua esibizione. Ha vari oggetti legati alla conoscenza dispensata dalla Koré, l'ultima società iniziatica dei Bamana. L'impugnatura ha una sede piatta leggermente ricurva ed è prolungata da una testa scolpita. Patina bruno nera, erosioni e crepe, mancanza.


Vedi il foglio

280,00

Yoruba Cetro
promo art africain
Arte africana > Bastone di comando > Yoruba Cetro

Brandito nella mano sinistra durante le danze rituali, questo bastone Osé Sango, o Oshe Shango, presenta in dettaglio la figura di un seguace del dio Sango. Queste sculture cerimoniali si riferiscono al dio del tuono e della giovinezza Shango, o Sango. Quest'ultimo sarebbe il mitico antenato dei re di Oyo. Era anche il protettore dei gemelli, la cui presenza era molto comune nella regione.
Divinità temuta per la sua imprevedibilità, è venerata per fornire ai raccolti piogge benefiche. A lui si attribuisce anche la fertilità femminile.
Patina satinata scura. Erosioni (base).
La società yoruba è organizzata in varie associazioni i cui ruoli variano. Se la società maschile Egbe rafforza le norme sociali, l'aro federa i contadini. Il gelede ha scopi più esoterici e religiosi. ...


Vedi il foglio

380,00  304,00

Pestello Kongo con motivo janiforme
promo art africain
Arte africana > Oggetti abituali > Pestello Kongo

Antico pestello per cereali il cui centro è scolpito con due facce. Uno di essi è rappresentato mentre tira fuori la lingua, gesto con connotazione simbolica nei rituali contro la stregoneria, patina liscia e lucida color miele. La disidratazione si incrina.
I Vili, i Lâri, i Sûndi, i Woyo, i Bembe, i Bwende, i Dondo/Kamba, gli Yombé ei Kôngo costituivano il gruppo Kôngo, guidato dal re Ntotela. Il loro regno raggiunse il suo apice nel XVI secolo con il commercio di avorio, rame e la tratta degli schiavi. Da credenze e tradizioni comparabili, hanno prodotto statuaria dotata di gesti codificati in armonia con la loro visione del mondo. Le loro maschere realistiche prendevano parte alle cerimonie di iniziazione e ai funerali di notabili, e le loro statue fetish inchiodate, nkondi, erano ...


Vedi il foglio

280,00  224,00

Dogon Yo dyommodo / Yo domolo Bacchetta di comando
promo art africain
Arte africana > Bastone di comando > Dogon Bacchetta

Il prestigioso pastorale domolo indossato dagli uomini Dogon sulle spalle e talvolta ritrovato sugli altari e nei santuari binu ricorda le insegne dell'associazione yona. , lo Yo domolo< /i> , o anche Yo dyommodo , che costituisce l'emblema dei "ladri rituali". Questi emblemi a forma di zappa evocano una testa di cavallo, l'animale primordiale della creazione. Patina rituale, incrostazioni residue. La disidratazione si incrina.
I Dogon sono un popolo rinomato per la loro cosmogonia, il loro esoterismo, i loro miti e leggende. La loro popolazione è stimata in circa 300.000 anime che vivono nel sud-ovest dell'ansa del Niger nella regione di Mopti in Mali. I fabbri Dogon formano una casta endogama chiamata irim Ora producono armi, strumenti e lavorano anche con il legno.


Vedi il foglio

260,00  208,00

Bastone di Pende con motivo janiforme
Arte africana > Bastone di comando > Pende Bastone

Questo bastone scolpito con un motivo simile alle maschere del gruppo fa parte delle insegne figurative del capo. Patina marrone nera lucida. 36 cm di base.
Il Western Pende vive sulle rive del Kwilu, mentre il Est si stabilì sulle rive del Kasaï a valle di Tshikapa. Le influenze dei gruppi etnici vicini, Mbla, Suku, Wongo, Leele, Kuba e Salempasu hanno impresso sulla loro grande scultura d'arte tribale. All'interno di questa diversità, le maschere Mbuya, realistiche, prodotte ogni dieci anni, assumono una funzione festosa e incarnano diversi personaggi, tra cui il capo, l'indovino e sua moglie, la prostituta, l'indemoniato, ecc. ... Le maschere dell'iniziazione e quelle del potere, i minganji, rappresentano gli antenati e si verificano successivamente durante le stesse cerimonie, ...


Vedi il foglio

280,00





Ultimi articoli che hai visualizzato:
Arte africana  - 

© 2024 - Digital Consult SPRL

Essentiel Galerie SPRL
73A Rue de Tournai - 7333 Tertre - Belgique
+32 (0)65.529.100
visa Master CardPaypal