La Porte Dogon, galleria d'arte africana, il sito di vendita online di Essentiel Galerie: arte primitiva, arte tribale, arte primitiva
...
opzioni di ricerca




Arte africana - Sedie:


Sgabello prestigioso Asante Ghana
Arte africana > Sedie > Sgabello Ghana

Collezione francese di arte africana.
Presso gli Asante, Ahanti, gruppo etnico del Ghana (ex "Gold Coast"), questo tipo di base a cinque pilastri è chiamata asesedwa (dwa). Ogni capofamiglia ne aveva una copia, le donne usavano una versione più piccola. Oggigiorno lo usano tutti indistintamente. Patina dorata evidente, abrasioni e scheggiature dovute all'uso. Illuminato. : "Sedi dell'Africa Nera dal Museo Barbier-Mueller" ed. 5 continenti


Vedi il foglio

290,00

Sgabello Luba/Zela Kipona con cariatide
Arte africana > Sedie > Tavolino Zela

Ex. Collezione francese di arte africana .
Sgabello o tavolino Luba/Zela Kipona con cariatide.
Una figura di donna in posizione accovacciata costituisce il "ricettacolo di un leader sovrano defunto" (Luba, Roberts). Le mani sostengono il vassoio circolare centrale la cui superficie è lucida. Le scarificazioni della figura femminile, sporgenti, a spighe, circondano l'ombelico, “centro del mondo” associato al lignaggio, e quelle del basso ventre che simboleggiano la fertilità. Questo sgabello chiamato lupona o kioni o kipona, kiona costituisce il punto d'incontro del sovrano, del suo popolo, e degli spiriti protettori e degli antenati. Un tempo costituiva la sede su cui era insediato il re Mulopwe del popolo Luba. Patina brillante che va dall'arancio al nero-marrone. Crepe ...

Fang Sgabello
Arte africana > Sedie > Fang Sgabello

Sgabello o tavolino decorato con rappresentazioni di maschere Fang du Ngil. Patina d'uso, graffette in rame, restauri indigeni (canne in vimini).
I popoli conosciuti come Fang, o "Pahouin", descritti come guerrieri conquistatori, invasero a balzi successivi, di villaggio in villaggio, tutta la vasta regione compresa tra Sanaga nel Camerun e Ogooué nel Gabon, tra il XVIII e l'inizio del XX secolo. In fondo alle loro capanne, in un angolo buio e spesso fumoso, i capifamiglia conservavano con cura i loro Byéri, i bauli delle reliquie e le sculture che li “osservavano”. La vita quotidiana dei Fang consisteva in tre priorità: perpetuare l'identità sociale, sopravvivere in un ambiente naturale ostile, dialogare con i defunti per allontanarli dai vivi. (Luigi Perrois)


Vedi il foglio

340,00

Baule Sedia
Arte africana > Sedie > Baule Sedia

Seggio denominato ketekle devoluto ai notabili, ma che accompagnava, presso i Wé, il ballo delle fanciulle durante le celebrazioni legate alle iniziazioni. L'accessorio segna l'approvazione dell'antenato della famiglia che possedeva questo prestigioso oggetto. Patina d'uso molto bella, marrone ocra, vellutata. Crepe da essiccazione, piccoli incidenti.


Vedi il foglio

180,00

Yoruba Sgabello
Arte africana > Sedie > Yoruba Sgabello

Mezzo di comunicazione con l'aldilà, la scultura yoruba è destinata a decorare altari familiari o collettivi e nasce spesso dalla gratitudine per le benedizioni che gli dei hanno concesso ai fedeli. Patina granulosa opaca con una sfumatura bruno-rossastra.
Abrasioni e crepe.
br>L'uso del termine Yoruba, derivato da una parola Hausa che designava gli Yoruba del regno settentrionale di Oyo, risale alla metà del XIX secolo. È soprattutto a favore del regno di Oyo, che estese la sua egemonia su gran parte della regione nei secoli XVII e XVIII, che è stata scritta la storia degli Yoruba. I regni di Oyo e Ijebu nacquero in seguito alla scomparsa della civiltà Ifé e sono ancora alla base della struttura politica degli Yoruba. Gli Oyo crearono due culti incentrati sulle società ...


Vedi il foglio

240,00

Sgabello Kongo
Arte africana > Sedie > Sgabello Kongo

Sgabello scolpito utilizzabile come tavolino piedistallo, con una bellissima patina d'uso, lucida, sulla seduta. Un carattere naturalista, privo di armi, costituisce il supporto. Una base circolare riprende il volume del piano superiore.
Crepe e abrasioni.
Nel 13° secolo, il popolo Kongo, guidato dal loro re Ne Kongo, si stabilì in una regione all'incrocio dei confini tra l'attuale Repubblica Democratica del Congo, l'Angola e il Gabon. Due secoli dopo, i portoghesi entrarono in contatto con il Kongo e convertirono il loro re al cristianesimo. Sebbene monarchico, il sistema politico del Kongo aveva un aspetto democratico perché il re veniva effettivamente posto a capo del regno a seguito di un'elezione tenuta da un consiglio di governatori delle tribù. Questo re, chiamato ...


Vedi il foglio

Fai un'offerta

240,00

Songye Sgabello
Arte africana > Sedie > Songye Sgabello

A volte supportando i feticci Songye, mankishi (sing. nkishi), questo tipo di posti a sedere potrebbe anche essere caricato di un bishimba protettivo a livello della testa, dell'ombelico o alla base. Nel sud-ovest del Congo, in Angola e in Zambia, ogni capo aveva un seggio cariare femminile, immagine di fecondità, fecondità e filiazione matrilineare.
I Songye provenivano dalla regione di Shaba nella RDC e si stabilirono tra il fiume Lualaba e il fiume Sankuru nel mezzo della savana e delle foreste. Sono governati dagli yakitenge e dai capi locali. La società segreta Bwadci, tuttavia, controbilancia il loro potere. Patina nera lucente, piccole screpolature e abrasioni.
Illuminato. : "Il Sensibile e la Forza" ed. Museo Reale per l'Africa Centrale


Vedi il foglio

250,00

Sgabello Kaguru
Arte africana > Sedie > Sgabello Kaguru

Vecchio sedile circolare, con un centro leggermente concavo, portato da tre piedi. Il decoro è costituito da motivi geometrici contrapposti, finemente incisi sui montanti.
Contorni e piedi erosi.
Patina grigia dell'età marrone.
Nella regione costiera meridionale della Tanzania, intorno a Dar-es-Salaam, un gruppo relativamente omogeneo ha prodotto la maggior parte delle produzioni artistiche. Comprende lo swahili, il Kaguru, il Doé, il Kwéré, il Luguru, lo Zaramo, il Kami. Tra queste popolazioni, i seggi sono troni destinati ai capi di stirpe, ciascuno sotto la protezione di uno spirito tutelare. Questi sgabelli erano messi a parte nei santuari chiamato kolelo, custodito dai sacerdoti.


Vedi il foglio

240,00

Kuba supporto posteriore
Arte africana > Sedie > Kuba supporto posteriore

Insegna del potere tra i Tetela-Hamba che lo portavano per i loro incontri di iniziati nkumi , questo tipo di schienale, che fungeva anche da sedile, era utilizzato anche tra i Kuba, i Lélé, i Songye e il Nkutshu. Questo raro sgabello poggia qui su due gambe asimmetriche, la parte appoggiata a terra scolpita con un volto con le caratteristiche del gruppo. Sulla forma ovale piatta sono inscritti motivi decorativi geometrici, una protuberanza che simboleggia le gambe lo estende. Patina marrone leggermente satinata.
Rif. : "Design in Africa, siediti, sdraiati, sogna". ed Dapper Museum.


Vedi il foglio

180,00

Chokwe Sgabello
Arte africana > Sedie > Chokwe Sgabello

Ex collezione di arte africana francese.
Tra gli elementi dei mobili tradizionali africani , le sedute avevano un ruolo destinato ad accrescere il prestigio di chi le possedeva. Spesso destinate a dignitari, re, capi e nobili, sono decorate con motivi figurativi relativi alla storia e ai miti del clan. In questo caso il personaggio che interpreta il ruolo della cariatide si riferisce probabilmente all'antenata femminile del clan. Si ritiene che la sua presenza sia vantaggiosa per il suo detentore. Chiara patina color miele, screpolature da disseccamento, restauro indigeno mediante graffa metallica.


Vedi il foglio

240,00

Baga Sgabello
Arte africana > Sedie > Baga Sgabello

Molto basso per permettere alle donne di essere all'altezza del fuoco per preparare i pasti, questo solido sgabello offre un'ampia seduta concava. Potrebbe fare uso di un piatto di presentazione. Bella patina d'uso, erosioni e crepe. < br>Mischiati ai Nalu e ai Landoman, i Baga vivono lungo le coste della Guinea-Bissau in zone paludose allagate sei mesi all'anno. Questi gruppi Baga insediati sulla costa e che vivono di coltivazione del riso sono costituiti da sette sottogruppi, tra cui Baga Kalum, Bulongic, Baga sitem, Baga Mandori, ecc.... Insieme all'estinzione delle iniziazioni maschili dagli anni '50, le società femminili organizzano cerimonie rituali danzate durante le quali si svolgono frequentemente sessioni di possessione e divinazione. Questi gruppi si avvalgono di sculture, ...


Vedi il foglio

180,00

Luba Sgabello
promo art africain
Arte africana > Sedie > Luba Sgabello

Gli Shankadi appartengono al gruppo Luba, e hanno le stesse associazioni e strutture. La loro statuaria per lo più realistica è caratterizzata da acconciature spettacolari, una superficie liscia, arti inferiori di dimensioni minori. L'acconciatura "a cascata" illustra una delle varie composizioni intrecciate in voga nello Zaire nell'Ottocento, evidenziando lo status sociale di chi la indossa. Le figure sedute, intrecciate, appoggiate sulle dita dei piedi della loro controparte, simboleggiano la regalità di Luba. I personaggi incarnano lo spirito di un antenato, vidiye. Patina marrone con riflessi mogano, residui di intarsi.
I Luba (Baluba in Chiluba) sono un popolo dell'Africa Centrale. La loro culla è il Katanga, più precisamente la regione del fiume Lubu (Baluba “i Lubas”). ...


Vedi il foglio

280,00  180,00





Ultimi articoli che hai visualizzato:
Arte africana  - 

© 2024 - Digital Consult SPRL

Essentiel Galerie SPRL
73A Rue de Tournai - 7333 Tertre - Belgique
+32 (0)65.529.100
visa Master CardPaypal