La Porte Dogon, galleria d'arte africana, il sito di vendita online di Essentiel Galerie: arte primitiva, arte tribale, arte primitiva
...
opzioni di ricerca




Arte africana - Cappelli :


Copricapo di perline del sovrano yoruba
Arte africana > Cappelli > Copricapo yoruba

Collezione di arte tribale del pittore Amadeo Plaza Garcés.
Chiamata Adenla o Adé, questa antica corona di un sovrano yoruba o oba veniva indossata durante cerimonie festive, riti o funerali. Il capo portava una varietà di copricapi di questo tipo destinati a varie occasioni. Il cotone, teso su un telaio metallico, è ricamato con migliaia di perle di vetro multicolori. Gli uccelli che adornano questa copia simboleggiano i poteri spirituali (ase) concessi al re e con i quali può conferire ai suoi sudditi.

Lega Cap
promo art africain
Arte africana > Cappelli > Lega Cap

Questo tipo di copricapo è indossato dai membri dei ranghi più alti della società segreta bwami, che governa la struttura sociale lega, aperta agli adulti circoncisi e alle loro mogli e che istruiscono i loro aderenti in termini di perfezione morale. Questi oggetti fanno parte del masengo, ovvero sono sacri e quindi possono essere indossati solo dagli iniziati. Il proprietario non può separarsene durante la sua vita. Bwami ha diversi gradi, con yananio e kindi che sono i più alti. I materiali utilizzati variano, possono essere bottoni di vestiti, cipree, perle o fave di cacao. Su un berretto in fibra naturale accuratamente intrecciato, questo copricapo è interamente ricoperto di bottoni fabbricati (Mukuba). Questa vecchia calotta cranica è originariamente sormontata da peli di elefante ...


Vedi il foglio

150,00  120,00

Lega Cap
promo art africain
Arte africana > Cappelli > Lega Cap

Questo tipo di ornamento per la testa è destinato ai membri delle alte sfere della società segreta bwami, che governa la struttura sociale lega. Questa società, che istruisce i suoi membri in termini di perfezione morale, è aperta agli adulti circoncisi e alle loro mogli. Questi prestigiosi copricapi fanno parte del masengo, nel senso che sono sacri e possono quindi essere indossati solo dagli iniziati. Il proprietario non può separarsene durante la sua vita. Bwami ha diversi gradi, di cui yananio e kindi sono i più alti. I materiali utilizzati variano, possono essere bottoni di abbigliamento, conchiglie di ciprea, perle o fave di cacao. Le conchiglie di ciprea, un'antica valuta africana, rivestono un berretto intrecciato con cura con fibre naturali. Questo tipo di copricapo era ...


Vedi il foglio

150,00  120,00

Juju Hat
Arte africana > Cappelli > Juju Hat

Collezione di arte africana
francese Durante la cerimonia della danza degli elefanti, chiamata tso, i membri della società Kuosi, conosciuta anche come Kwosi, sfoggiavano questi impressionanti copricapi. Questi copricapi facevano parte di un costume multicolore che comprendeva una grande maschera di perline con grandi orecchie circolari, mbap mteng, un panno di stoffa, ndop, decorato con pelliccia di scimmia, e una cintura di leopardo. Queste danze venivano solitamente eseguite durante cerimonie festive e funerali. Inizialmente realizzati con piume di pappagallo, oggi questi cappelli utilizzano piume di faraona selvatica, la cui rarità si traduce in un costo elevato.
Le piume sono fissate a listelli di legno ricoperti di tessuto, disposti attorno ad una cornice circolare ...


Vedi il foglio

150,00

Juju Hat
promo art africain
Arte africana > Cappelli > Juju Hat

Ex collezione di arte africana
francese Questi imponenti copricapi erano tradizionalmente indossati dai membri della società Kuosi, conosciuta anche come Kwosi, durante la danza dell'elefante, tso. Questi copricapi erano abbinati a un costume multicolore che includeva una grande maschera di perline con grandi orecchie circolari, mbap mteng, un panno di stoffa, ndop, decorato con pelliccia di scimmia e una cintura di leopardo. Le danze generalmente avevano luogo durante cerimonie festive e funerali.
Inizialmente composta da valorosi guerrieri, la società Kosi si evolse in un'associazione di ricchi notabili che agivano in nome della regalità con lo scopo di regolare l'ordine sociale. Un tempo i copricapi erano realizzati con piume di pappagallo, ma oggi si utilizzano piume di ...


Vedi il foglio

150,00  120,00

Juju Hat
Arte africana > Cappelli > Juju Hat

Collezione di arte africana
francese I magnifici copricapi Bamileke nell'arte africana rappresentano ornamenti prestigiosi indossati dai notabili e questo particolare esemplare è decorato con piume rosso vivo. Questi impressionanti copricapi erano tradizionalmente indossati dai membri della società Kuosi, conosciuta anche come Kwosi, durante la danza dell'elefante, tso. Questi copricapi erano indossati insieme a un costume multicolore che includeva una grande maschera di perline con grandi orecchie circolari, mbap mteng, un panno di stoffa, ndop, decorato con pelliccia di scimmia e una cintura di leopardo. Le danze generalmente avevano luogo durante cerimonie festive e funerali.
Originariamente composta da valorosi guerrieri, la società Kosi si è evoluta in un'associazione ...


Vedi il foglio

150,00

Kuba Cap
Arte africana > Cappelli > Kuba Cap

Ex-collezione di arte africanabelga
. Questo ornamento per la testa veniva indossato da importanti personaggi Kuba in occasioni specifiche. Lo spesso cappello è realizzato in tessuto di fibra di rafia guarnito con molteplici conchiglie di ciprea in contrasto con motivi a spirale di perle. Queste conchiglie, moneta di baratto originariamente importata dall'Oceano Indiano dai mercanti Hausa, costituiscono un simbolo di fertilità e abbondanza.
br/> I Kuba sono rinomati per la raffinatezza degli oggetti di prestigio creati per i membri degli alti ranghi della loro società. Diversi gruppi Kuba produssero oggetti antropomorfi dal design raffinato tra cui tazze, corni potori e calici. I Lele sono stabiliti nella parte occidentale del regno Kuba, alla confluenza dei fiumi Kasai e ...


Vedi il foglio

240,00

Mambila Cap
promo art africain
Arte africana > Cappelli > Mambila Cap

Oggetto insolito, questo cappello da cerimonia, in vimini conici spalmati di pigmenti colorati. È impreziosito da una serie di figure scolpite a immagine di statue africane Kiké ntadep, tadep.
Nonostante il loro piccolo numero, i trentamila Mambila (o Mambila, Mambere, Nor, Torbi, Lagubi, Tagbo, Tongbo, Bang, Ble, Juli, Bea) (gli "uomini", in Fulani), si stabilirono nel nord-ovest del Camerun, creò un gran numero di maschere e statue facilmente identificabili dai loro volti a forma di cuore. Sebbene i Mambila credano in un dio creatore chiamato Chang o Nama, adorano solo i loro antenati. I loro capi furono sepolti in granai come il grano poiché si credeva simboleggiassero la prosperità. Maschere e statue non dovevano essere viste dalle donne.


Vedi il foglio

480,00  384,00





Ultimi articoli che hai visualizzato:
Arte africana  - 

© 2024 - Digital Consult SPRL

Essentiel Galerie SPRL
73A Rue de Tournai - 7333 Tertre - Belgique
+32 (0)65.529.100
visa Master CardPaypal