La Porte Dogon, galleria d'arte africana, il sito di vendita online di Essentiel Galerie: arte primitiva, arte tribale, arte primitiva

Collezione d'arte africana - scoprite la nostra galleria d'arte africana


Competenza nell'arte africana

Dalle maschere africane alle statue e ai bronzi, il vostro primo e più importante vantaggio, è la certezza di acquistare sul nostro sito, oggetti d'arte di qualità, autentici < africani. Ogni pezzo della nostra galleria d'arte africana è valutato da uno specialista di arte africana prima di essere messo in vendita, il che vi garantisce un acquisto di altissima qualità. Alcuni oggetti della nostra collezione d'arte africana sono stati acquisiti da rinomati musei.

I prezzi

Una semplice occhiata al nostro sito vi mostrerà che offriamo i migliori prezzi sul mercato dell'arte africana senza alcuna concessione sulla qualità dei pezzi. E questo grazie al fatto che, essendo i pionieri della vendita online di arte africana, abbiamo, tra l'altro, ottimizzato la logistica che ci permette di ridurre notevolmente i costi operativi. Voi siete il beneficiario.

La nostra galleria d'arte africana

Presenti sul web dal 1999, siamo anche una galleria d'arte africana fisica, quindi non esitate a venirci a trovare, dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 18:00, il sabato dalle 10:00 alle 19:00 e la domenica su appuntamento, al 73 di Rue de Tournai 7333 Tertre in Belgio. In questi stessi orari potete anche contattarci al numero +32 (0)65.529.100.

You are antique dealer,gallerist or decorator, do not hesitate to contact us.
You want to sell your african art items ? We buy african art collections

Objets d'art africain ajoutés récemment à notre catalogue

Chokwe Mwana pwo maschera
Arte africana > Maschere > Tschokwe maschera

Allungando un'ampia fascia cesellata a scacchiera, trecce in fibre vegetali, poi un cappuccio, adornano questa maschera africana del Chokwe indossata dagli iniziati di alto rango. Questo ornamento ricorda l'acconciatura ricoperta di terra rossa delle donne Chokwe. Patina liscia marrone-arancio.
Stabilitisi pacificamente nell'Angola orientale fino al XVI secolo, i Chokwé furono poi assoggettati all'impero Lunda dal quale ereditarono un nuovo sistema gerarchico e la sacralità del potere. Le maschere africane Chokwe pwo, tra le tante maschere akishi o "akixi" (cantare: mukishi, indicando potere) dell'arte tribale Chokwe, sono esclusivamente rappresentazioni femminili che erano accompagnate da accessori e raffinatezze. Insieme alle loro controparti maschili, cihongo riconoscibili per ...


Vedi il foglio

120,00

Maschera Chokwe Mwana Pwo
Arte africana > Maschere > Maschera di Tschokwe

Da sempre indossata da iniziati di rango superiore, questo tipo di maschera africana raffigurante un antenato femminile era spesso impreziosita da accessori di origine europea. Trecce tessili, delimitate da un sottile diadema di rafia, adornano il viso di denti tagliati e scarificazioni, segni pubblici di identità etnica. Patina satinata marrone-arancio. Sbeccatura sul contorno e leggera crepa.

Stabilitisi pacificamente nell'Angola orientale fino al XVI secolo, i Chokwé furono poi assoggettati all'impero Lunda dal quale ereditarono un nuovo sistema gerarchico e la sacralità del potere. Le maschere africane Chokwe pwo, tra le tante maschere akishi (cantare: mukishi, indicando potere) dell'arte africana Chokwe, incarnano un ideale di bellezza, Mwana Pwo, o la donna Pwo e ...


Vedi il foglio

120,00

Kuba statua
Arte africana > Vasi, vasetti, calabasi, urne > Kuba statua

A contatto con il regno di Kuba e i Pende, i Wongo scolpirono maschere in miniatura e oggetti cerimoniali e sculture, come questo tipo di coppa usata per bere il vino di palma, durante riti divinatori, patti o cerimonie rituali. Questo esemplare si distingue per la sua struttura antropomorfa magistralmente scolpita, raffigurante un soggetto la cui spettacolare rotondità è impreziosita da varie cicatrici cheloidi. Bella patina nera lucida. La disidratazione si incrina.
I Kuba sono rinomati per la raffinatezza degli oggetti di prestigio creati per i membri degli alti ranghi della loro società. Diversi gruppi Kuba hanno infatti prodotto oggetti antropomorfi con motivi raffinati tra cui tazze, corni e calici. I Lele sono stabiliti nell'ovest del regno di Kuba, alla confluenza dei ...


Vedi il foglio

170,00

Sao Bronzo
Arte africana > Jumper > Sao Bronzo

Questo bronzo africano ha una patina ramata. Il guerriero raffigurato sulla sua cavalcatura ha la testa avvolta in una chêche identica a quelle dei tuareg.

Nell'arte africana, le opere ispirate a Sao Sokoto sono per lo più impresse nel mondo equestre. All'interno del gruppo etnico, piccoli esempi di cavalieri, solitamente in bronzo, sono fusi e indossati come talismani, patinati e lucidati per attrito. Sono considerati soprattutto un rimedio per combattere la possessione da parte degli spiriti maligni. Il cavallo rappresenta lo spirito della persona che è posseduta, mentre il genio che lo possiede è simboleggiato dal cavaliere. Sottoposti a successivi attacchi dai vicini di Kanem e poi da orde provenienti dall'est, i Sao dovettero abbandonare le loro terre per stabilirsi nel ...


Vedi il foglio

40,00

Tschokwe Cihongo, Chihongo maschera
Arte africana > Maschere > Chokwe maschera

Ex collezione d'arte africana francese Tra le tante maschere africane akishi (cantare: mukishi, indicando potere) dell'arte tribale africana Chokwe, la potente controparte maschile della maschera Mwana Pwo è il cihongo. Queste maschere in miniatura sono indossate sui costumi o sul copricapo di iniziazione.
Indossata da sempre da ballerini di sangue reale, questa maschera con una struttura molto specifica, che incarna uno spirito, simboleggia potere e ricchezza. Occasionalmente è anche intervenuto in sentenze.
Patina opaca abrasa, scheggiature. Altezza su base: 38 cm.

Le maschere dei clan Chokwe, Luda, Luvale/Lwena, Luchazi e Mbunda sono chiamate "makishi" (sing. likishi) in Zambia. Questo nome deriva da "kishi", un concetto bantu che evoca la manifestazione di ...


Vedi il foglio

180,00

Yela Tetela coltello
Arte africana > Valute > Yela coltello

Vecchio coltello Yela o Tetela, il cui manico inciso con un discreto tratteggio decorativo è in legno.
Incisioni lineari delineano i contorni della lama.

Crepe da mancanza e essiccazione.
La provincia di Lualaba aveva diversi gruppi etnici vicini con associazioni simili. I Mbole e gli Yela sono noti per le loro statue che raffigurano, secondo D. Biebuck, impiccati, chiamati ofika. Sparsi in tutto il bacino del Kasai, i Tetela di origine Mongo sono stati fonte di incessanti conflitti con i loro vicini. La loro scultura molto diversificata è segnata dall'influenza dei gruppi che convivono con loro: al Nord la loro arte subì l'influenza delle popolazioni della foresta come i Mongo, al Nord -Ovest quello del Nkutschu, e ad ovest quello del Binji e Mputu . La ...


Vedi il foglio

180,00

Bénin Bronzo
Arte africana > Bronzo > Bénin Bronzo

Scultura di tipo tardo in lega di bronzo di tipo benigno, raffigurante un re o "oba", vestito con la sua tunica reale, che brandisce la spada cerimoniale "eben".
Patina ossidata granulosa.
Prima della distruzione del palazzo del regno del Benin nel 1897, il carattere divino dei re, gli Oba, era illustrato da molteplici opere che ne celebravano il potere. Scene di guerra erano riprodotte su placche narrative, in bronzo, e affisse alle pareti. Sontuosi altari in bronzo, figure commemorative di capi defunti, pesanti bracciali, cavigliere e ricami venivano prodotti in quantità in molte officine di fonderia utilizzando la tecnica della fusione a cera persa. Le numerose teste e statue in ottone create dagli artisti del Benin erano riservate all'uso esclusivo degli abitanti del ...


Vedi il foglio

280,00

Tumbwe / Tabwa Bambola
Arte africana > Bambole > Tumbwe Bambola

Arte tribale africana dei Tabwa, oggetti prestigiosi.

Questa figura stilizzata priva di arti è dotata di attributi femminili e di un ombelico sporgente, e reca le tradizionali scarificazioni. Patina satinata marrone.
I Tabwa ("scarificare" e "scrivere") costituiscono un gruppo etnico presente nel sud-est della RDC. Semplici contadini senza potere centralizzato, si sono federati attorno ai capi tribù dopo essere passati sotto l'influenza dei Luba. Le tribù di questa regione, come i Tumbwe, adorano gli antenati mipasi attraverso sculture detenute da capi o stregoni. I Tabwa praticavano il culto degli antenati e dedicavano loro alcune delle loro statue chiamate mkisi. Animisti, le loro credenze sono ancorate intorno agli ngulu, gli spiriti della natura presenti nelle ...


Vedi il foglio

240,00

Pende Mbuya maschera
Arte africana > Maschere > Pende maschera

Integrando la categoria delle maschere femminili, questa maschera di iniziazione africana, Mbuya , incarna un indovino di nome Nganga Ngombo, che è indicato dai segni che simboleggiano una particolare acutezza sensoriale incisi sulla fronte e sulle guance. La patina risulterebbe da una miscela di corteccia di ocra rossa e olio di palma.

Patina opaca abrasa. Altezza su base: 37 cm.

I Pende occidentali vivono sulle rive del Kwilu, mentre quelli orientali si sono stabiliti sulle rive del Kasaï a valle di Tshikapa. Le influenze dei gruppi etnici vicini, Mbla, Suku, Wongo, Leele, Kuba e Salempasu hanno impresso sulla loro grande scultura d'arte tribale. All'interno di questa diversità, le maschere Mbuya, realistiche, prodotte ogni dieci anni, assumono una ...


Vedi il foglio

140,00

Lega / Leka maschera
Arte africana > Maschere > Leka maschera

Maschera iniziatica della Lega o della Leka, la cui società, la Bukota, che accoglie uomini e donne, è l'equivalente dell'associazione Bwami della Lega. Un cordone di rafia intrecciato mette in risalto la forma ovale della maschera, i cui occhi ravvicinati sormontano un naso attraversato da un solco, e le narici asimmetriche. L'ampia bocca, dai cui angoli salgono linee spezzate, è divisa orizzontalmente. I motivi a stella completano le cicatrici tribali.<

Le sculture di Leka, soggette all'influenza delle vicine Mbole, Lega e Binja, hanno avuto un ruolo durante le cerimonie di iniziazione, funerale o circoncisione, e sono state poi collocate sulla tomba di iniziati di alto rango. Ognuna di queste figure aveva un nome e un significato a fini didattici, sull'esempio delle ...


Vedi il foglio

180,00

Songye Nkisi statua
Arte africana > Statue > Songye statua

Singolare scultura rappresentante un personaggio congelato in gesti potenti, che indossa una maschera Songye e il cui busto è formato da uno scudo circolare, modellato con la maschera Kifwebe. Gli scudi Songye/Luba, chiamati ngabo, erano conservati nella scatola delle maschere dove venivano simbolicamente appesi alle pareti. Alcuni furono offerti ai capi Songye che fecero un patto con i Luba.
Un corno rituale, ora scomparso, inserito nella testa.
Patina satinata. Erosioni., piccole abrasioni.
Di questa maschera di Kifwebe (pl. Bifwebe) o "inseguendo la morte" (Roberts) spiccano tre varianti: il maschile (kilume) generalmente con una cresta alta, il femminile (kikashi) con una cresta molto bassa o addirittura assente, ed infine il maggiore potere di incarnazione ...


Vedi il foglio

280,00

Altare figurativo Dogon Toro
promo art africain
Arte africana > Statue > Dogon Altare

Questa scultura Dogon è stata acquistata dal suo proprietario nella parte centrale della scogliera di Bandiagara, bombou-toro. Quattro figure sormontate da un poliedro sono addossate ad un tronco centrale. I loro piedi scompaiono in una base circolare. Le braccia tese, seguendo lo stretto busto, sono tese da mani appoggiate sulle ginocchia piegate.
Superficie erosa impressa con residui nerastri, sparsi, successivi alle libagioni d'uso. Abrasioni e crepe da essiccazione.
Scolpite per la maggior parte su ordinazione di una famiglia, le statue Dogon possono anche essere oggetto di culto da parte di tutta la comunità quando commemorano, ad esempio, la fondazione del villaggio. Tuttavia, le loro funzioni rimangono poco conosciute. Il ruolo delle figure scolpite era solitamente ...


Vedi il foglio

490,00  360,00

Urna cerimoniale Kuba Bushoong / Ngeende
Arte africana > Vasi, vasetti, calabasi, urne > Urna Kuba

Prestigioso vaso tipo Kuba, inciso con motivi tradizionali a fregio, e scolpito con miniature raffiguranti maschere e tartarughe. Patina piuttosto satinata. La disidratazione si incrina.
I Kuba e le tribù stabilite tra i fiumi Sankuru e Kasai, tra cui il Bushoong e il Dengese anch'essi originari del gruppo Mongo, sono rinomati per la raffinatezza degli oggetti di prestigio creati per i membri degli alti ranghi della loro società. Diversi gruppi Kuba hanno infatti prodotto oggetti cerimoniali antropomorfi con design raffinati tra cui tazze, corni e calici. Il regno di Kuba fu fondato nel XVI secolo dai Bushoong, che ancora oggi sono governati da un re. È il gruppo più prolifico del Kasai occidentale. Le cerimonie rituali restavano un'occasione per esporre arti decorative e ...

Boyo/Buyu Kalunga Janiform Bust
Arte africana > Statue > Bembe statuetta

Busto scolpito gianniforme associato al culto dello spirito dell'acqua Kalunga, tra i tanti spiriti della natura venerati dai Buyu. I Bembe hanno lo stesso tipo di figure.
Patina d'uso satinata, tracce di caolino e ocra rosa, crepe da essiccazione.
I flussi migratori hanno mescolato Bembe, Lega, Buyu (Buye) o Boyo, Binji e Bangubangu all'interno degli stessi territori. I Bassikassingo, da alcuni considerati un sotto-clan Buyu, non sono però di origine Bembe pur vivendo nel loro territorio, l'opera di Biebuyck aver permesso di ripercorrere la loro storia. Organizzati in ceppi, hanno preso in prestito dalla Lega l'associazione di Bwami. Le tradizioni bembe e boyo sono relativamente simili Adorano gli spiriti della natura, l'acqua in particolare tra i Boyo, Buyu , ma anche ...


Vedi il foglio

140,00

Mossi Braccialetto
Arte africana > Gioielli africani > Mossi Braccialetto

Prestigioso fregio in lega di rame, striato di scanalature, impreziosito da volute e fornito di punte. Questo metallo doveva assumere un carattere sacro e quindi protettivo. Altezza sulla base: 23 cm.
Popolazione stabilita su entrambe le sponde del Volta Nero in Burkina Faso e Mali, i Bwa distinguono generalmente tre caste endogame: fabbri, griot e contadini. I fabbri lavorano anche con il legno, mediano nei conflitti e mediano con il mondo soprannaturale. Le sculture d'arte africana dei Bobo, Bwa, Kurumba e Mossi, residenti in Burkina Faso, spesso riprendono e combinano elementi stilizzati presi in prestito da uomini, animali o addirittura insetti. Si ritiene che siano gli spiriti della natura a determinare il benessere e la prosperità di un individuo, e le avversità saranno ...


Vedi il foglio

240,00

Chokwe Statua
Arte africana > Statue > Chokwe Statua

Simbolo di potere, questa statua africana glorifica l'antenato ed eroe mitico fondatore del gruppo etnico, Chibinda Ilunga. I capi avevano una funzione importante nei riti di propiziazione destinati alla caccia e alla fecondità delle donne. L'applicazione ripetuta di olio di ricino e decotti vegetali coloranti ha conferito alla scultura una patina scura lucente.
Piccole crepe da essiccazione.

Insediatisi pacificamente nell'Angola orientale fino al XVI secolo, i Chokwé furono poi sottoposti all'impero Lunda da cui ereditarono un nuovo sistema gerarchico e la sacralità del potere. Tre secoli dopo finirono per impadronirsi della capitale dei Lunda indebolita da conflitti interni, contribuendo così allo smantellamento del regno. I Chokwé non avevano un potere ...


Vedi il foglio

380,00

Soninké Scatola
Arte africana > Vasi, vasetti, calabasi, urne > Soninké Scatola

Raccolto in Mali da Jacques Anquetil, tessitore e autore di "Black Africa", pubblicato da Dessain e Tolra, questo contenitore di legno dalla forma geometrica è stato progettato dai Soninke per conservare la tintura vegetale indaco o altri trucchi (ricavati dalla pianta dell'indaco), con cui venivano colorate le stoffe (come le vele dei tuareg). Residui cristallizzati, di colore blu e verde, rivestono il fondo del contenitore. Patina d'uso sfumata di marroni, piccoli incidenti. -Jacques Anquetil, uomo di teatro che divenne maestro tessitore iniziato tra i Dogon, presidente dei Mestieri d ' Arte francese, autrice di "Africa, le mani del mondo" presso Solar edizioni e "Black Africa" ​​presso ed. Dessain e Tolra, e "Le mani del ...


Vedi il foglio

180,00

Piatto Kuba Wongo
Arte africana > Vasi, vasetti, calabasi, urne > Coppa Kuba

Questa coppa cefalomorfa era destinata all'olio di palma. Nei gruppi kuba, un'ampia varietà di queste sculture con motivi figurativi ha lo scopo di aumentare il prestigio del loro portatore. I bordi sono fini e regolari.
Patina vellutata.


La società Kuba, estremamente organizzata e gerarchica, poneva al centro un re o nyim, ispirando la statuaria del gruppo etnico.
Questo era considerato di origine divina. Sia capo del regno che del chiefdom bushoong, gli furono attribuite virtù soprannaturali dalla stregoneria o dagli antenati. Ha quindi assicurato la sostenibilità dei suoi sudditi, sia attraverso i raccolti, la pioggia o la nascita di bambini. Tuttavia, questi attributi magici non erano ereditari, poiché il re era eletto da un consiglio.
Fonte: Kuba, ed. ...


Vedi il foglio

170,00



view more tiems

Previously viewed items
Arte africana  -  New York - Paris - London

© 2023 - Digital Consult SPRL

Essentiel Galerie SPRL
73A Rue de Tournai - 7333 Tertre - Belgique
+32 (0)65.529.100
visa Master CardPaypal