La Porte Dogon, galleria d'arte africana, il sito di vendita online di Essentiel Galerie: arte primitiva, arte tribale, arte primitiva
...
opzioni di ricerca




Oggetti d'arte tribale africana :


Ti offriamo una vasta selezione di pezzi unici di arte africana. Provenienti da collezioni private o acquistate direttamente “in situ”, queste opere sono oggetto di uno studio speciale per determinarne la provenienza e le condizioni di acquisizione. Per noi è un punto d'onore offrire ai nostri clienti opere d'arte africana di qualità, antiche o contemporanee, acquisite nel quadro di un mercato etico. È la storia di questi pezzi che vi invitiamo a scoprire attraverso la nostra gallery e i nostri siti web.

Dogon Statuetta
Arte africana > Statue > Dogon Statuetta

Questa statuetta dell'arte tribale africana, dall'aspetto ingenuo, presenta una testa sferica dai tratti graziosamente asimmetrici. Il volto è delimitato da una barba circolare, sovrastante il folto plateau delle spalle. Lungo il busto le braccia si allungano per appoggiare le mani su gambe semipiegate su una cupoletta. Patina marrone opaca ruvida. Crepe da essiccazione.

Queste statue, a volte incarnanti il ​​nyama del defunto, sono collocate sugli altari ancestrali e partecipano a vari rituali compresi quelli dei periodi di semina e raccolto. Parallelamente all'Islam, i riti religiosi Dogon sono organizzati attorno a quattro culti principali: il Lébé, relativo alla fertilità, sotto l'autorità spirituale degli Hogon, il Wagem, culto degli antenati sotto l'autorità del ...


Vedi il foglio

340,00

Chokwe Maschera
Arte africana > Maschere > Chokwe Maschera

L'associazione maschile Mukanda utilizza, tra i Tschokwe, una trentina di maschere africane in legno, per vari scopi sociali e legate agli antenati: la maschera cikugu, il cihongo< /i>, la maschera pwo, kalelwa, cikunza, ma anche questo tipo di maschera da uccello di cui troviamo diverse versioni, spesso indossate su un base in vimini. Spesso vi vengono aggiunti tessuti di cotone colorati e piccoli oggetti vari.
Patina marrone satinata, abrasioni, piccoli incidenti. Gli Tschokwe, di cultura bantu, si erano stabiliti nell'Angola orientale, ma anche nel Congo e nello Zambia. Dopo diverse alleanze si mescolarono con i Lunda che insegnarono loro a cacciare. La loro organizzazione sociale influenzò anche la società Tschokwe. Gli Tschokwe finirono però per dominare i Lunda, il cui ...


Vedi il foglio

240,00

Kongo Statuetta
Arte africana > Statue > Kongo Statuetta

Figura dell'antenato Kongo, congelata in una postura specifica del clan. Patina nera con effetto satinato. Crepe.
I Vili, i Lâri, i Sûndi, i Woyo, i Bembé, i Bwende, gli Yombé e i Kôngo formavano il gruppo Kôngo, guidato dal re ntotela. Il loro regno raggiunse il suo apice nel XVI secolo con il commercio dell'avorio, del rame e la tratta degli schiavi. Con le stesse credenze e tradizioni, producevano statue con gesti codificati in relazione alla loro visione del mondo. Gli stregoni nganga, entrambi guaritori, erano incaricati delle attività religiose e della mediazione verso il Dio chiamato Nzambi attraverso queste figure consacrate. La stregoneria kindoki aggressiva è il male assoluto che deve essere combattuto. A tal fine, le figure protettive nkisis vengono realizzate e ...


Vedi il foglio

240,00

Nyanga Maschera
Arte africana > Maschere > Nyanga Maschera

Grande maschera sbiancata il cui centro tagliato a cuore è sottolineato da un'ampia fascia striata su cui sono iscritte orecchie a coppa. Gli occhi e la bocca dentata sono quadrangolari, il naso dritto. Un ampio bordo delinea il viso. Altezza su base: 40 cm.
Stabiliti nella foresta del Kivu nella Repubblica Democratica del Congo, i Nyanga provengono dall'Uganda, di razza Bahunde. La migrazione Hunde li ha mescolati con la Lega che vive nella regione. Una società patrilineare, si affiancano ai Kumu e ai Pere e vivono di caccia e agricoltura. Le loro ceramiche e i vimini prodotti dalle donne sono rinomati. Molti culti strutturano la loro vita religiosa: quella associata al dio del fuoco, al serpente acquatico e agli spiriti della natura. Le cerimonie di circoncisione e iniziazione ...


Vedi il foglio

175,00

Mambila Statua
Arte africana > Statue > Mambila Statua

Collezione belga di arte africana.
La rappresentazione antropomorfa è imponente, con la postura ingobbita, la testa inclinata verso il petto, le braccia avvolte attorno ad un busto svasato verso gambe forti e leggermente piegate. Il volto, caratteristico con la sua forma a cuore, è decorato con una moltitudine di tenoni. Una patina crostosa ricopre la superficie, con un sottile film di argilla localmente fessurata, che presenta crepe da disseccamento.
Nonostante il loro numero limitato, circa trentamila, i Mambila (noti anche come Mambilla, Mambere, Nor, Torbi, Lagubi, Tagbo, Tongbo, Bang, Ble, Juli, Bea) residenti nel nord-ovest del Camerun hanno prodotto un gran numero di maschere e statue riconoscibili dai volti a forma di cuore. Sebbene i Mambila credano in un dio ...


Vedi il foglio

320,00

Fang Maschera
Arte africana > Maschere > Fang Maschera

Es. Collezione francese di Arte Africana Fang.
Anticamente destinata a smascherare gli stregoni, questa maschera africana a forma di zanna, di cui ecco una versione arrotondata e sobria, veniva tagliata alla vigilia delle cerimonie. È fuori dalla vista dei laici che, accompagnato da parole, gesti, danze e sacrifici, interviene anche durante le iniziazioni. Patina opaca abrasa. Erosioni e crepe da disseccamento.
Presso i Fang, stanziati in una regione che si estende da Yaoundé nel Camerun a Ogooué nel Gabon, l'aspetto di queste maschere generalmente rivestite di caolino (il colore bianco evoca il potere degli antenati), in mezzo la notte, potrebbe causare paura. Questo tipo di maschera era utilizzata dalla società religiosa e giudiziaria maschile Ngil che oggi non esiste più. ...


Vedi il foglio

190,00

Hemba Testa
Arte africana > Statue > Hemba Testa

La statuaria Hemba ha un carattere altezzoso di cui questo frammento di statua costituisce un esempio. Questa testa africana singiti Hemba è stata scolpita dal bwana mutombo. Realizzati generalmente in iroko, questi oggetti erano venerati da un particolare clan e conservati nelle stanze funerarie della casa del capo.
Erosioni con desquamazione della patina croccante.
Altezza sulla base: 39 cm.
Gli Hemba sono stati a lungo soggetti al vicino impero Luba che ha avuto una certa influenza sulla loro cultura, religione e arte. Il culto degli antenati è centrale nella società Hemba. La genealogia è infatti garante dei privilegi e della distribuzione delle terre. Tutti gli aspetti della comunità sono permeati dell'autorità degli antenati. Pertanto, si ritiene che questi ...


Vedi il foglio

480,00

Kachina Statua
Arte africana > Statue > Kachina Statua

Colorati testimoni delle tradizioni delle popolazioni indiane Hopi dell'Arizona, gli oggetti scolpiti di Katsinam (sing. Kachina) si esprimono durante le danze tradizionali che accompagnano le annuali feste della pioggia. Le bambole tradizionali Katsinam sono, per il gruppo dei nativi americani Pueblo (Hopi, Zuni, Tewa Village, Acoma Pueblo e Laguna Pueblo), strumenti educativi offerti ai bambini al termine delle feste rituali. Queste statuette di ispirazione Hopi, che incarnano una grande diversità di spiriti, rappresentano ballerini di katsinam e i colori sono associati ai punti cardinali. Patina policroma opaca e vellutata, lievi abrasioni.


Vedi il foglio

290,00

Pende Maschera
Arte africana > Maschere > Pende Maschera

La maschera africana ispirata allo stile panya ngombe è strettamente legata, secondo i Pende, al simbolismo del bufalo selvatico. Gli esemplari più imponenti furono pensati per ornare gli spazi riservati al capo nella capanna. Di forma triangolare, questa maschera ha le palpebre allungate e le orecchie inclinate che ne accentuano l'aspetto a "V". I motivi decorativi triangolari appaiono come una distinta ricorrenza nelle creazioni scultoree degli artisti Pende. Patina scura opaca, abrasioni. Altezza sulla base: 30 cm.
I Pende occidentali vivono sulle rive del Kwilu, mentre gli orientali si sono stabiliti sulle rive del Kasai a valle di Tshikapa. Le influenze dei gruppi etnici vicini, Mbla, Suku, Wongo, Leele, Kuba e Salempasu sono impresse nella loro grande scultura d'arte ...


Vedi il foglio

450,00

Lega Maschera
Arte africana > Maschere > Lega Maschera

Questa maschera africana Lega indicava lo stadio che il suo detentore aveva raggiunto all'interno del Bwami, una società di apprendimento composta da diversi gradi. Composta da una faccia divisa invertita, i cui contorni sono bordati da una spessa frangia di rafia, questa maschera sarebbe associata agli antenati primordiali. È ricoperto da uno spesso strato di argilla bianca parzialmente abrasa. Patina opaca, crepe da essiccazione.
Insediati sulle rive e sulle isole del lago Kivu, i Bashi, gli Omushi, o anche i Banyabungu, formano un gruppo bantu dell'ovest, a cui si sono mescolati i Lega, poi raggiunti dalle popolazioni pastorali del Rwanda. Vivono principalmente di agricoltura e allevamento di bestiame. All'interno della Léga, la società Bwami, aperta a uomini e donne, ...


Vedi il foglio

240,00

Ekoi Maschera
Arte africana > Maschere > Ekoi Maschera

Indossate sul capo come stemma, le maschere africane della Nigeria.
Ideale di bellezza femminile tra gli Ejagham, la stravagante acconciatura composta da quattro escrescenze a volute, rifinite in pelle e rimovibili, rappresenta le estensioni dei capelli delle giovani ragazze alla fine del loro periodo di clausura iniziatica. Il tutto è stato ricoperto di olio, la patina marrone è come il ghiaccio. Il costume della ballerina era costituito da un grande intreccio di cordoni di rafia e, più recentemente, di tessuto di cotone. Le maschere venivano ricoperte di olio di palma prima dell'uso e poste alla luce del giorno in modo che la pelle si ammorbidisse e assumesse una lucentezza soddisfacente. Le società leopardine, come la società maschile Kpe, Ngbe tra gli Aro, utilizzavano ...


Vedi il foglio

450,00

Kongo Scultura
Arte africana > Statue > Kongo Scultura

Raro feticcio animale di tipo Kongo, il cui addome è provvisto di una cavità per la carica magica e il cui sguardo vitreo rimanda alla chiaroveggenza. Piccole abrasioni e crepe.
I Vili, i Lâri, i Sûndi, i Woyo, i Bembé, i Bwende, gli Yombé e i Kôngo formavano il gruppo Kôngo, guidato dal re ntotela < /i>. Il loro regno raggiunse il suo apice nel XVI secolo con il commercio dell'avorio, del rame e la tratta degli schiavi. Con le stesse credenze e tradizioni, producevano statue con gesti codificati in relazione alla loro visione del mondo. Gli stregoni nganga, entrambi guaritori, erano incaricati delle attività religiose e della mediazione verso il Dio chiamato Nzambi attraverso figure consacrate. A tal fine, vengono realizzate figure protettive individuali nkisis, per ...


Vedi il foglio

380,00

Chokwe fischietto
Arte africana > Oggetti abituali > Chokwe fischietto

Oggetto comune ma anche cerimoniale, questo strumento accompagnava i Chokwe che lo portavano come ciondolo, a volte per diverse generazioni, contribuendo a lucidarne la superficie. La testa scolpita rappresenta un capo che indossa la corona chipangula. Suonati da più persone, i fischietti, prodotti in gran numero, venivano utilizzati non solo durante le danze ma anche durante la caccia per richiamare i cani ma anche in guerra. Grazie ai pochi suoni che emettevano, le informazioni venivano scambiate da un luogo all'altro.
Insediati pacificamente nell'Angola orientale fino al XVI secolo, i Chokwé furono poi soggetti all'impero Lunda da cui ereditarono un nuovo sistema gerarchico e la sacralità del potere. I Chokwé non avevano un potere centralizzato ma grandi domini. Furono loro ad ...


Vedi il foglio

180,00

Ci wara Maschera
Arte africana > Maschere > Ci wara Maschera

L'arte africana e i miti fondatori dei Bambara
Nel Mali centrale e meridionale, questa scultura astratta simboleggia il cavallo-antilope Ciwara ("bestia selvaggia della terra") che, per i Bambara, Bamana" o "non credenti", come li chiamavano i musulmani, avrebbe insegnato all'uomo l'agricoltura. Gli avrebbe offerto anche il primo cereale. La maschera con stemma è fissata mediante lacci ad un profondo cappello in vimini teso con tela e steso in rafia.Patina marrone opaca.
Portati sulla sommità del capo, questi stemmi accompagnavano i danzatori durante i rituali del tòn, associazione dedita ai lavori agricoli. Le maschere vagavano per i campi saltando per scacciare i nyama, odori malefici, e per individuare eventuali pericoli, oppure per stanare gli spiriti maligni che potevano ...


Vedi il foglio

480,00

Lwena Maschera
Arte africana > Maschere > Lwena Maschera

Questa maschera africana che evoca una giovane donna veniva indossata durante le cerimonie di chiusura dell'iniziazione Mukanda. Questa maschera avrebbe dovuto promuovere la caccia, la fertilità e i raccolti. Patina bruno-rossastra scura. Sbeccature e abrasioni.
Di origine Lunda, i Lwena (o anche Lovale, o Luvale) emigrarono dall'Angola nello Zaire nel XIX secolo, respinti dai Chokwe . Alcuni divennero commercianti di schiavi, altri, i Lovale, trovarono rifugio in Zambia e vicino allo Zambesi in Angola. La loro società è matrilineare, esogama e poligama. I Lwena divennero noti per le loro sculture color miele, che incarnavano figure di antenati e capi defunti, e per le loro maschere legate ai riti di iniziazione di mukanda. Questa maschera è incisa con motivi circolari associati ...


Vedi il foglio

140,00

Lega Maschera
Arte africana > Maschere > Lega Maschera

Sculture della Lega Africana nell'arte africana. Questa maschera, che non era destinata ad essere indossata, ma manipolata durante i rituali, indicava lo stadio raggiunto da chi la indossava all'interno delBwami, una società erudita composta da diversi gradi, e che riuniva le mogli le cui il coniuge aveva raggiunto il terzo livello, quello di ngandu.
All'interno della Léga, la società dei Bwami aperta a uomini e donne, organizzava la vita sociale e politica. C'erano fino a sette livelli di iniziazione, ciascuno associato a degli emblemi. In seguito il riconoscimento sociale e l'autorità dovevano essere guadagnati anche individualmente: il leader doveva la sua scelta al suo cuore (mutima), al buon carattere, all'intelligenza e al comportamento ...


Vedi il foglio

280,00

Fang Statua
Arte africana > Statue > Fang Statua

In qualità di "custode" di un reliquiario, questo tipo di statua africana associata al culto di Byeri incarna l'antenata femminile della stirpe che sormontava il cesto delle ossa. Borchie decorative impreziosiscono questa versione qui. Patina liscia grigio-nera, crepe ed erosioni.

Tra i Fang del Camerun e del Gabon, ogni famiglia possiede un "Byeri", o scatola reliquiario, in cui sono conservate le ossa degli antenati. Questi palchi erano custoditi dall'uomo più anziano del paese, l'esa. Le cassette-reliquiario erano sormontate da una statua o testa che fungeva da custode delle cassette “byeri”. Questi venivano conservati in un angolo buio della capanna e avevano lo scopo di deviare le influenze malvagie verso qualcun altro. Venivano utilizzati anche durante le cerimonie di ...


Vedi il foglio

380,00

Kuyu Statua
Arte africana > Statue > Kuyu Statua

Statua fissata su tavola di legno, associata al culto di Djo. I vari motivi cheloidi riprodotti in modo variabile sulle statue erano ancora in uso alla fine del XX secolo nel paese di Kuyu. I lineamenti sono semplicemente traforati su una testa appena modellata. Il collo e la testa sono rivestiti da un materiale argilloso incrostato di semi di abrus.
Erosioni e perdite. Patina scura opaca, nero e bordeaux.
Due clan totemici un tempo formavano l'etnia Kuyu, che viveva lungo il fiume omonimo, nel nord-ovest della Repubblica Popolare del Congo: a ovest quello della pantera, e a est quello del serpente. Un'associazione segreta maschile, Ottoté, ha svolto un ruolo politico importante nella nomina dei capi. L'iniziazione dei giovani si concludeva con la rivelazione del dio serpente ...


Vedi il foglio

240,00

Lele Maschera
Arte africana > Maschere > Lele Maschera

Nella categoria delle maschere a superficie piatta, questa maschera Lele indossa un elaborato cappello passamontagna e una barba ricamata con perline, conchiglie di ciprea, frangiata di crine di cavallo o piume. Patina nera lucida.
I Lélé, vicini dei Tschokwe e dei Pende, vivono ad ovest del regno Kuba e condividono specifiche caratteristiche culturali comuni con i Bushoong del paese Kuba. Entrambi i gruppi adornano i loro oggetti di prestigio con motivi simili. La loro società, guidata da un re "nymi", comprende tre classi, quella dei Tundu o capi guerrieri, i Batshwa ("coloro che rifiutare l'autorità Tundu") e i Wongo chiamati dal nome dell'etnia vicina. Le cerimonie rituali sono sotto l'autorità dei più anziani, i capi di ogni villaggio che detengono i segreti delle piante ...


Vedi il foglio

380,00

Boa Maschera
Arte africana > Maschere > Boa Maschera

Esempio di maschera africana kpongadomba o "Pongdudu", fiancheggiata da insolite orecchie. Si supponeva che rendesse invulnerabili, questa maschera d'arte africana kpongadomba del Boa fu ordinata dal capo kumu che la offrì al guerriero più valoroso. Fu poi custodito nella capanna di sua moglie. I padiglioni auricolari del Boa orientale un tempo erano perforati. Il "bavobongo" ha una bocca piena di denti spesso rappresentati da bastoncini, e conferiva a chi lo indossava un aspetto imponente, accentuato dal contrasto dei colori. Patina granulosa opaca, abrasa. Altezza sulla base: 44 cm.
Vicino ai Mangbetu e agli Zande, i Boa abitano la savana nel nord della Repubblica Democratica del Congo. Alcuni Boa avrebbero utilizzato queste maschere per scopi educativi con i bambini, dopo ...


Vedi il foglio

380,00

Fang Maschera
Arte africana > Maschere > Fang Maschera

Maschera voluminosa che forma una mutazione della maschera Fang Ngil, questa maschera africana del tipo Bikereu caricatura di un colono europeo. Queste maschere sono apparse dopo che il governo colonizzatore ha bandito la maschera della giustizia Ngil, ma hanno una funzione simile.
Patina opaca abrasa, crepe da essiccazione, piccole scheggiature.
Tra i Fang, la confraternita maschile di Ngil aveva il compito principale di combattere gli stregoni e i malfattori. Queste maschere venivano indossate anche per l'iniziazione dei nuovi membri. Il loro colore bianco, riferimento al defunto, significa che la maschera incarnava uno spirito ancestrale. La maschera ha tratti ostili, pensati per sorprendere, accompagnati da numerosi accoliti al calare della notte, alla luce delle torce.


Vedi il foglio

280,00





Ultimi articoli che hai visualizzato:
Arte africana  - 

© 2024 - Digital Consult SPRL

Essentiel Galerie SPRL
73A Rue de Tournai - 7333 Tertre - Belgique
+32 (0)65.529.100
visa Master CardPaypal